Sindrome da aspirazione di meconio: sintomi e terapia

Scritto da
sindrome da aspirazione di meconio
info@maternita.it'

I neonati possono essere colpiti dalla sindrome da aspirazione di meconio: si tratta di una grave condizione, dovuta al fatto che durante il parto il piccolo abbia respirato una combinazione di meconio e liquido amniotico.

Cos’è il meconio

Con il termine meconio si indicano le feci del neonato subito dopo la nascita, alla sua prima evacuazione. Può succedere che il piccolo emetta tali feci mentre si trova ancora all’interno dell’utero, qualora sia sottoposto ad un forte stress o magari non riceva abbastanza sangue e ossigeno.

In questo caso il meconio passa nel liquido amniotico che circonda il bimbo e può essere respirato, oppure può andare a bloccare le vie respiratorie del neonato non appena venuto al mondo. In questo caso si parla di aspirazione del meconio, che può causare grandi difficoltà a causa del gonfiore nei polmoni del bebè.

I sintomi della sindrome da aspirazione di meconio

Tra i sintomi più comuni della sindrome da aspirazione di meconio si ha la cianosi del neonato, che assume un colore bluastro della pelle; inoltre, si possono verificare dei problemi respiratori, con assenza oppure con accelerazione del respiro. Altro sintomo che si registra generalmente in relazione alla sindrome è rappresentato dalla mollezza del neonato alla nascita.

La terapia per la sindrome da aspirazione di meconio

La migliore terapia è quella effettuata dall’ostetrica nell’immediato: bisogna infatti effettuare un’aspirazione dalla bocca del neonato non appena la testa emerge durante il parto. Inoltre il bimbo può essere curato subito nel reparto di unità di terapia intensiva neonatale.

In genere i trattamenti che vengono eseguiti prevedono un’osservazione ravvicinata, con somministrazione di antibiotici per curare l’infezione. Molto utile è anche la macchina per la respirazione, in grado di mantenere la giusta dimensione dei polmoni.

Può essere inoltre somministrato dell’ossigeno, in modo tale da assicurare il mantenimento di normali livelli ematici. La terapia radiante è utile per mantenere la temperatura corporea del piccolo a livelli adeguati. Nella maggior parte dei casi, questa tipologia di disturbo viene curata con successo  e senza lasciare effetti sulla salute a lungo termine.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *