I segnali che il parto sta arrivando

Scritto da
segnali del parto

Ok, hai atteso 9 mesi, sei stata attenta a tutto: peso, alimentazione, pressione, analisi del sangue, 8450 ecografie. Ne hai fatte talmente tante che puoi anche già vedere la faccia del tuo pargoletto. Ma ci siamo quasi… E adesso?

Come fai a sapere quando il parto si avvicina?

Vediamo insieme i segnali del parto.

Segnali del parto: la pancia bassa

Quando avevo il mio pancione mi dicevano tutti: “Uh, la pancia è alta, stai tranquilla”. Ed effettivamente, è vero che mia figlia è nata 3 settimane in anticipo e che avevo la pancia alta e l’utero aperto. Ma è anche vero che lei di uscire non ne voleva sapere.

Quando si avvicina il momento del parto la pancia si abbassa perché il piccolo si posiziona per scendere. Quando il bambino si deciderà a spostarsi respirerai anche meglio, perché non premerà più sul diaframma.

Segnali del parto: il tappo mucoso

Questo segnale non lascia spazio a interpretazioni. Se vedi il tappo mucoso (una perdita gelatinosa e trasparente, ma densa), stai tranquilla. Non è che partorirai da un momento all’altro, ma comunque il collo dell’utero ha iniziato a dilatarsi. Non è detto che tu lo veda, perché potrebbe scendere un po’ alla volta o cadere nel water.

Segnali del parto: perdite miste a sangue

Potrebbe sembrare un segno preoccupante, ma se è solo una piccola quantità, puoi stare tranquilla. Potrebbe essere del sangue che fa parte del tappo mucoso. In ogni caso, se non ti senti tranquilla fai una telefonata al tuo medico. 

Segnali del parto: contrazioni ritmiche e regolari

Ci sono vari tipi di contrazioni, le più conosciute sono le Braxton Hicks. Ma non sono le contrazioni per cui partorirai. Le vere contrazioni le riconosci perché sono dolorose e avvengono in un periodo di tempo regolare. Nel caso chiama il tuo medico, ma se ne senti una ogni 15 minuti non è ancora il momento di andare in ospedale, faresti un viaggio a vuoto e ti rimanderebbero a casa. 

Ci siamo quasi! La rottura delle acque

Ecco, ora sì che devi andare in ospedale.

Se vuoi un mio consiglio. Soprattutto se sei al tuo primo figlio, dormi ora, in questi ultimi giorni di gravidanza. Dormi e riposa più che puoi. Ti serviranno energie 🙂

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *