Salerno: grandi donazioni per i piccoli migranti

Scritto da
Donazioni per bambini migranti a Salerno

Dopo giorni e giorni di navigazione, sbarcano finalmente a terra, sulle nostre coste: i risparmi di una vita spesi per pagare il viaggio e con loro portano poco e niente. Se non la felicità di essere sopravvissuti a una traversata in condizioni disumane e la speranza di iniziare una nuova vita.

Baby profughi: hanno bisogno di tanto beni di prima necessità

I beni di prima necessità di cui hanno bisogno sono tantissimi: alimenti e oggetti per la cura personale, ma anche vestiti e calzature. Se per gli adulti, è più facile rimediare qualche capo d’abbigliamento nei centri di accoglienza, non possiamo dire lo stesso per i piccolissimi.

Non è, quindi, un caso che nei giorni scorsi la testata Salernotoday.it abbia lanciato l’appello per raccogliere vestiti e tutine da donare alla piccola neonata nigeriana approdata al Molo di Manfredi, in città. Privati, famiglie e anche brand (come Stammeaacort marchio locale di produzione di vestiti per la prima infanzia) hanno generosamente donato dei capi di vestiario per rispondere alle esigenze della bambina, nata qualche giorno fa sul barcone, per i prossimi primi mesi di vita. Fra gli altri che sono scesi in campo per aiutare i migranti, la Protezione Civile di Salerno.

Un piccolo gesto può aiutare molte persone in difficoltà

Un bel gesto, insomma, che dimostra come la generosità di tutti noi può avere un valore inimmaginabile: ricordiamoci di donare gli oggetti che non usiamo più (vestiti, scarpe, montature di occhiali, giocattoli) alle associazioni di beneficenza che operano sul nostro territorio che troveranno sicuramente una via per dare nuova vita ai nostri oggetti superflui e per rispondere alle esigenze di chi è meno fortunato di noi. A volte, basta davvero poco per darci una mano l’un con l’altro e l’esperienza di Salerno e dell’accoglienza ai migranti ne è un esempio che, ci auguriamo, venga preso a modello da molti altri.

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
Categorie dell'articolo:
Cura del bambino · Notizie dal mondo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *