Riscaldamento, diminuire il rischio di allergie

Scritto da
riscaldamento bambini meno allergie e raffreddori

Ogni anno è sempre la stessa storia, con l’arrivo dell’inverno cominciano le paranoie per la temperatura ideale da tenere in casa in presenza di bambini. Se anche voi rientrate in questa categoria di madri giustamente preoccupate per la salute dei più piccoli, ecco qualche utile suggerimento per ridurre il rischio di malanni e allergie.  

Meno infezioni respiratorie con la temperatura giusta in casa

La temperatura ideale da tenere in casa quando ci sono bambini è compresa tra 18 e 22 gradi, in quanto una temperatura più alta li espone maggiormente alle infezioni respiratorie. Questo perché i repentini sbalzi di temperatura rallentano le cellule ‘spazzine’ presenti nel primo tratto respiratorio, favorendo così l’entrata di virus e batteri. Al contrario abituare i bambini a temperature più moderate consentirà di rendere meno brusco e traumatico il passaggio dall’ambiente interno a quello esterno, consentendo dunque alle cellule di svolgere il loro compito al meglio.

Inoltre è dimostrato che un caldo eccessivo nella stanza in cui dorme il bambino può favorire il rischio di SIDS, la sindrome della morte in culla che può colpire i neonati nei primi mesi di vita. Quindi, per quanto riguarda la cameretta dei più piccoli, ricordate di mantenere una temperatura mai superiore ai 20 gradi.

Meno allergie con la temperatura ideale

L’eccessivo calore in casa favorisce anche la formazione di muffe e acari, assai dannosi per i bambini allergici o predisposti alle allergie, che potrebbero causare disturbi respiratori come la rinite e l’asma. Il problema è sicuramente l’umidità, in quanto lo sbalzo termico tra dentro e fuori fa condensare l’umidità  e formare muffe in corrispondenza delle pareti più fredde, mentre un tasso di umidità superiore al 50% come conseguenza di una temperatura interna elevata genera l’habitat ideale per gli acari. Di conseguenza ricordate di far circolare l’aria e ridurre il tasso di umidità aprendo le finestre più volte al giorno. Al contrario evitate l’uso di deumidificatori poiché seccano eccessivamente l’aria e, di riflesso, le mucose dei vostri bambini.

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *