Diabete gestazionale: attenzione al poco riposo della neonamma

Scritto da
diabete gestazionale sonno mamma

La gravidanza può presentare diverse complicazioni come la preeclampsia, disturbi ipertensivi e problemi metabolici che, secondo un recente studio di settore, avrebbero una forte relazione con la mancanza di sonno.

Il diabete gestazionale e i problemi di sonno

Fino a questo momento non è stata prestata la necessaria attenzione alla relazione esistente fra l’insorgenza del diabete gestazionale e i problemi di insonnia che spesso disturbano le notti delle donne in dolce attesa. Francesca Facco, ricercatrice presso la School of Medicine di Pittsburgh, ha condotto assieme ai suoi colleghi un’importante ricerca a riguardo. Qualche anno fa fu scoperto un legame stretto fra la durata del sonno e l’insorgenza di alcune problematiche di tipo cardiovascolare e del diabete di tipo 2 nelle persone adulte e quindi, gli esperti, hanno deciso di approfondire per cercare di capire se il diabete gestazionale fosse influenzato dalla mancanza di sonno.

Lo studio sul diabete gestazionale legato ai problemi di sonno

Lo studio è stato condotto mettendo a confronto i dati relativi a un gruppo di donne incinte fra la 16 e la 22ma settimana di gestazione per un totale di 782 future mamme. L’11,6% presentava disturbi ipertensivi mentre il 4,2% aveva riscontrato l’insorgenza del diabete gestazionale.

È stato osservato che le donne che abitualmente dormivano meno di sette ore per notte avevano il doppio di possibilità di sviluppare il diabete rispetto a coloro che erano solite riposare un po’ più a lungo. La dottoressa Facco ha precisato che lo studio effettuato è di tipo osservazionale ma che è biologicamente plausibile il fatto che il rapporto fra lo scarso riposo notturno e l’insorgenza del diabete gestazionale sia causale. La durata del sonno e le influenze che ha sul metabolismo durante la gestazione probabilmente sono meccanismi multifattoriali e saranno necessari ulteriori studi di settore per capire meglio i meccanismi biologici che ci sono dietro questi legami. 

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Disturbi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *