Riconoscere e sviluppare il talento del tuo bambino

Scritto da
riconoscere-e-sviluppare-il-talento-del-bambino

Ogni singolo bambino è dotato di una particolare predisposizione per svolgere una specifica attività e, la cosa più bella da parte dei genitori, è saperla individuare e aiutarlo a svilupparla. Sviluppare un talento è fondamentale nella crescita personale del bambino ma anche per il suo sviluppo cognitivo. Sentendosi apprezzati per qualcosa che sanno fare, si sentiranno fortemente gratificati e potranno crescere più equilibrati e fiduciosi nelle proprie capacità.

Come riconoscere e sviluppare il talento del tuo bambino

Come scoprire le predisposizioni dei propri figli? Prima di tutto osservandoli con attenzione mentre giocano per scorgere quei piccoli segnali che indicano quale siano le loro attività preferite. Secondo la pedagogia cosiddetta steineriana, il bambino durante la fase evolutiva affina le sue capacità di pensare, volere e sentire. Il suo io poco a poco prende forma e la fascia di età particolarmente ricettiva per lo sviluppo dei talenti è quella compresa fra gli 0 e i 7 anni.

In questo periodo i bambini devono essere sottoposti a diversi stimoli che mettano in moto tutti i loro sensi affinandoli: dalla vista al tatto, dal gusto all’udito con lavori manuali di piccolo artigianato, con la pittura, il teatro, la musica e la danza.  In questo modo il bambino si renderà conto di cosa gli piace veramente fare dedicando più tempo all’attività preferita. I genitori hanno il compito di mettere a disposizione del figlio il maggior numero di occasioni possibili per fare esperienze educative ma tutto ovviamente deve accadere attraverso i gioco.

Suggerimenti utili per sviluppare il talento del tuo bambino

  • Leggere spesso ad alta voce storie, racconti e rime
  • Ascoltare assieme a loro musica di ogni genere e cantare
  • Creare giocattoli semplici assieme ai bambini
  • Fornirgli tutto il materiale necessario per disegnare, colorare e dipingere con ogni tecnica e materiale
  • Fare passeggiate nei boschi, sulle spiagge e in ogni luogo dove i bambini possano stare a contatto diretto con la natura
  • Ascoltare sempre le opinioni e le idee dei figli
  • Coinvolgerli quotidianamente nelle attività domestiche come la preparazione dei cibi o le pulizie
  • Trascorrere molto tempo all’aperto 
Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *