Le più frequenti paure dei neonati: come superarle?

Scritto da
paure dei neonati

Le paure più frequenti dei neonati sono tre ovvero il timore per gli estranei, la paura per i rumori forti e la paura dell’abbandono. Vediamo assieme di spiegarle meglio e comprendere perché il bambino provi paura.

Le paure dei neonati e le loro caratteristiche

Le paure dei neonati e dei bambini al di sotto dei due anni d’età sono abbastanza facili da capire ma non devono mai essere sottovalutate o, peggio ancora, irrise. È proprio nei primi anni di vita del bambino che si forma abbastanza rapidamente il carattere nonché l’aspetto psicologico del bambino e dunque è necessario dare a ogni cosa la giusta importanza, paure incluse.

I neonati, alla stregua di tutti gli altri esseri viventi hanno paura temendo per la loro incolumità. A volte i loro timori possono sembrare del tutto infondati ma c’è da comprendere che soprattutto i neonati hanno una scarsa capacità di elaborare la realtà che li circonda.

La paura degli estranei e dei rumori forti

I neonati iniziano a instaurare la loro prima relazione con la mamma che diviene sempre più forte con il passare del tempo. Tutte le persone che non sono la mamma all’inizio lo spaventano. Poco a poco iniziano a conoscere anche il padre, i nonni ma continuano a nascondersi fra le braccia della mamma quando si avvicina qualcuno che sanno chi possa essere in cerca di protezione. Per fargli superare questa paura rassicuratelo spesso ma rispettate i suoi tempi senza forzarlo in alcun modo.

I neonati non sopportano affatto i rumori improvvisi che arrivano sia da vicino che da lontano. Il problema fondamentale è che non riescono a percepirne la causa data la loro scarsa esperienza e temono che possa succedere qualcosa di terribile. Ogni volta che il bambino si spaventa per un rumore improvviso rassicuratelo e fategli capire che voi siete sempre lì per lui, per proteggerlo.

La paura dell’abbandono

La paura dell’abbandono accomuna tutti i neonati ma anche i bambini un po’ più grandi. I neonati iniziano a piangere quando la mamma esce dalla loro traiettoria visiva e si agitano di notte quando non sentono parlare la mamma. Quando i genitori devono assentarsi da casa è indispensabile rassicurarli abbondantemente sul fatto che presto torneranno. 

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
· · · ·
Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *