Il fumo in gravidanza e i danni irreparabili

Scritto da
Danni del fumo in gravidanza

Che fumare durante i 9 mesi di gestazione sia un errore enorme lo sanno proprio tutti, non escluse quelle mamme che continuano a farlo (talora anche col beneplacito del proprio ginecologo!) ritenendo che smettere sarebbe ancor più dannoso per il feto a causa dello stress che una simile rinuncia provocherebbe loro. Eppure non tutti sanno con esattezza in che misura può essere dannoso il vizio del fumo per il bambino che si porta in grembo. Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Ogni volta che la futura mamma si accende una bionda diverse sostanze nocive attraversano la placenta e riescono a raggiungere il nascituro, rischiando di provocare un’alterazione a livello genetico. Ciò significa che negli anni a seguire il bambino sarà maggiormente esposto a contrarre tutta una serie di patologie, rispetto a un coetaneo la cui madre non ha fumato nei 9 mesi di gestazione.

Uno studio internazionale conferma i danni provocati dal fumo in gravidanza

A ulteriore conferma di quanto già si sa rispetto ai danni determinati dal fumo, arriva un nuovo studio condotto da un team di ricercatori internazionali e pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica American Journal of Human Genetics. Dai campioni di sangue prelevati dal cordone ombelicale immediatamente dopo il parto è emerso, infatti, che i neonati figli di fumatrici presentavano fenomeni di modificazioni epigenetiche del DNA (se ne sono registrate circa 6073), le quali sono potenzialmente responsabili dell’alterazione dei geni legati allo sviluppo polmonare e del sistema nervoso (si pensi, ad esempio, al disturbo dell’asma o a quello del labbro leporino).

Il vizio del fumo e il rischio di parto prematuro

Insomma smettere di fumare significa tutelare il proprio piccolo da numerose patologie, senza contare il fatto che i figli delle donne fumatrici corrono anche il rischio di nascere prematuri, con tutte le conseguenze negative che ne derivano. Basti pensare che il 15% dei neonati prematuri sono figli di donne che non hanno smesso di fumare nei 9 mesi di gravidanza.

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *