Ferite e trauma: cosa fare nei primi 5 minuti

Scritto da
ferite e traumi bambini come curarli

Abbiamo visto cosa fare in caso di avvelenamento del bambino. Vediamo ora, in caso di ferite o traumi, cosa fare nei primi 5 minuti.

Ferite: cosa fare nei primi 5 minuti

 Le ferite possono essere di vario tipo e dipendono dall’oggetto col quale il bambino se le è procurate:

  • Escoriazioni o abrasioni
  • Ferite da taglio
  • Ferite da punta
  • Ferite lacero-contuse.

Nel caso il bambino riportasse una di queste ferite è importante prima di tutto ripulire la ferita:

  1. Sciacquarla con acqua e sapone, ma non strofinare, per rimuovere polvere o eventuali detriti
  2. Lasciare la ferita qualche minuto sotto l’acqua corrente
  3. Se è presente il sanguinamento, comprimere la parte sanguinante per qualche minuto con garze pulite
  4. Disinfettare con acqua ossigenata o con sostanze antisettiche
  5. Bendare la ferita per evitare di sporcarla di nuovo.

Gli specialisti del Bambin Gesù raccomandano una visita dal medico qualora:

  • Ci sia sanguinamento persitente
  • In presenza di una ferita importante
  • In caso di un morso di un animale. 

Trauma: cosa fare nei primi 5 minuti

Per trauma si intende:

  • Contusione: formazione di un ematoma muscolare o osseo, la cute non è lesionata.
  • Distorsione: spostamento istantaneo e parziale dell’articolazione
  • Frattura: piccola crepa presente su una delle ossa del bambini
  • Lussazione: spostamento persistente e completo dell’articolazione

Se ti rendi conto che è un caso grave chiama subito il 118 e segui le loro indicazioni.

In caso di trauma lieve o modesto procedere così:

  1. Applicare del ghiaccio
  2. Se necessario somministrare antidolorifici, tipo tachipirina, in caso di incertezza consultare il pediatra
  3. Tenere l’articolazione tumefatta a riposo e non usarla soprattutto se dolorante.
  4. Immobilizzare la parte colpita
  5. Portare il bambino in ospedale per una radiografia e valutazione medica.

 Se sospetti che ci sia una frattura o una lussazione, è bene non muovere le ossa del bambino. Lascia fare al personale sanitario.

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *