“Cuore di maglia” continua a sferruzzare per i neonati prematuri

Scritto da
uore di maglia neonati prematuri

Essere solidali con il prossimo è un gesto d’amore che un gruppo di mamme savonesi dell’associazione “Cuore di maglia” conosce bene. Le quindici volontarie, per lo più pensionate, insegnanti e albergatrici, realizzano e regalano, infatti, maglioncini, body, cuffiette e scarpine ai neonati prematuri ricoverati nelle terapie intensive di 55 ospedali italiani e in 6 Centri di Aiuto alla Vita.

Un esempio da seguire: il lavoro delle volontarie dell’associazione “Cuore di maglia”

Armate di gomitoli e ferri, ma anche di tanto amore per il prossimo, le volontarie dell’associazione “Cuore di Maglia” confezionano, in compagnia, il kit Primo legame con l’intento di rendere più confortevole la permanenza in ospedale dei neonati prematuri e mostrare vicinanza ai genitori che vivono, loro malgrado, un momento assai delicato. Con appena quattro gomitoli di lana purissima, acquistati di tasca loro o con il ricavato delle donazioni, realizzano un sacco nanna, un body, una cuffietta e un paio di scarpine a misura di neonato prematuro da destinare non solo alle terapie intensive, ai Centri di Aiuto alla Vita e al nido dell’ospedale savonese San Paolo, ma anche agli orfani e ai minori abbandonati che necessitano, giustamente, di un gesto d’amore e tutela in più rispetto ai bambini che hanno accanto i loro genitori.

Per maggiori info vi invitiamo a spulciare il sito www.cuoredimaglia.it. 

Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Commenti

  • Che bella associazione!!! Ricordo ancora che emozione ricevere il loro pacchetto quando la mia piccola era ricoverata in terapia intensiva ❤

    Valeria De Longhi Valeria De Longhi 3 marzo 2017 18:03 Rispondi
  • Anche la mia piccola Giulia e’stata riscaldata da una sciarpina scarpette e berettino arrancione

    Alessandra Menin Alessandra Menin 3 marzo 2017 20:57 Rispondi
  • Anche la mia piccola Roberta è stata scaldata dal delizioso sacco nanna

    Sara Vanoli Sara Vanoli 3 marzo 2017 21:19 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *