Consigli per la scuola materna: a quali dare ascolto?

Scritto da

Ci siamo, ancora qualche settimana e i bambini cominceranno un nuovo anno scolastico. Per molti si tratta di un percorso già iniziato e che si è solo interrotto per le vacanze estive, per altri, invece, si tratta di una cosa del tutto nuova, soprattutto per i bambini che non hanno frequentato un nido. Qual è la cosa più importante per l’inserimento? Non generalizzare, non stereotipare e non dare per scontato nulla. Ogni bambino è un mondo a sé, per cui ciò che va bene con uno potrebbe non andare bene con l’altro.

Molte mamme che si trovano a dover mandare il proprio bambino all’asilo per la prima volta cercano utili suggerimenti in rete e sovente incappano in ammonimenti perentori: “Mamme che non avete abituato i bambini ad altre figure di riferimento, attenzione perché i vostri figli faranno più fatica a staccarsi, saranno diffidenti..” e bla bla. Si esatto, bla bla perché si tratta solo di aria fritta che, guarda caso, serve sempre a puntare un dito contro le mamme e a instillare in loro un senso di colpa.

Ma basta con queste discriminazioni. Perché una mamma che ha deciso di tenere con sé il proprio bambino e di non mandarlo al nido dovrebbe sentirsi in difetto? Ecco, mamme, state serene. Accompagnate il vostro cucciolo alla scuola materna consapevoli delle sue capacità, non c’è bisogno di un periodo di training precedente all’inizio dell’anno scolastico. Se vostro figlio è socievole di suo non avrete alcun problema. Se è timido, ma potrebbe esserlo anche se ha frequentato il nido, potrà avere qualche difficoltà in più, nulla di irrisolvibile.

Ci sono tanti bambini che son sempre stati a casa soli con la mamma che sono socievoli e amano la compagnia di altri bambini come degli adulti.

Per quanto riguarda invece il corredino dell’asilo, il consiglio è quello di informarsi presso lo stesso sia per quanto riguarda la tipologia di grembiulino che per il necessario da mettere nello zainetto. Evitate gli sprechi acquistando materiale che potrebbe non servire. Molti suggeriscono di acquistare 4 o 5 grembiuli, uno per ogni giorno. Bene, a meno che non attacchiate la lavatrice 1 volta alla settimana e non abitiate in una zona buia e umida due o tre saranno sufficienti. Importante invece etichettare indumenti e oggetti del bambino e se il ricamo non è il vostro forte, le etichette termoadesive sono un alleato prezioso.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *