Come riconoscere e curare l’otite media

Scritto da

Fastidiosa, dolorosa e, talvolta, difficile da gestire, l’otite media può essere, per molti bambini, un vero problema. Non si tratta di un disturbo grave, quanto doloroso e con guarigione completa abbastanza lunga. Non occorrono particolari precauzioni, salvo la concomitanza di altre patologie, e cure pesanti, ma non va comunque sottovalutato, vediamo come si riconosce e quali sono le possibili cure.

Come riconoscere l’otite media

La facilità di diagnosi dipende molto dall’età del bambino. Se si tratta di un neonato, per i genitori potrebbe risultare difficile riconoscere il disturbo. Questo, infatti, si manifesta con sintomi tipici del raffreddore, quali tosse e catarro. Proprio questo è infatti la causa principale dell’infiammazione dell’orecchio medio: il muco ristagna nelle trombe di Eustacchio, che connettono la faringe con l’orecchio medio, e che nei bambini sono corti e piatti rispetto a quelli degli adulti. Proprio per questo motivo l’otite media si presenta soprattutto sotto i 5 anni d’età con un’incidenza dell’80% circa.

I sintomi più comuni sono quindi dolore, i bambini più grandicelli riescono a segnalarlo prontamente, tosse, raffreddore, naso che cola, febbre. Non è detto che però compaiano tutti e simultaneamente.

Cosa fare per curare e prevenire l’otite media

Se si sospetta che il bambino abbia dolore, la prima cosa da fare è quella di portarlo, ovviamente, dal pediatra. Sarà lui a fare un accurato controllo e a diagnosticare o meno un’infiammazione dell’orecchio medio. Generalmente si attendono un paio di giorni prima di dare una terapia antibiotica. Per combattere i sintomi dolorosi, invece, il paracetamolo è il farmaco che viene prescritto con maggior frequenza. Possiamo però lenire i disturbi e contenere l’infiammazione anche con rimedi naturali quali il latte materno spremuto direttamente all’interno dell’orecchio oppure un impacco di cipolla tagliata a pezzetti e avvolta in una garzina da tenere per 10-15 minuti a contatto con il padiglione esterno.

Prevenire il disturbo non è difficile, basta semplicemente avere delle accortezze quali non mettere il bambino in contatto con soggetti raffreddati o influenzati, non esporlo a sbalzi di corrente, allattarlo al seno, non mandarlo all’asilo (qualora fosse possibile) prima dei tre anni, quando cioè il suo sistema immunitario sarà più sviluppato. Pulire il nasino con fisiologica o fare doccia nasale almeno un paio di volte al giorno.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *