Celiachia e bambini: tra le cause il rotavirus?

Scritto da
celiachia-bambini-responsabile-rotavirus
info@maternita.it'

Le cause della celiachia sono ancora sconosciute, ma alla base potrebbe esserci un’infezione da rotavirus.

L’origine della celiachia nei bambini

La celiachia definisce uno stato di infiammazione cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’ingestione di glutine (anche in minime quantità) in soggetti predisposti, che si manifesta con deperimento fisico, dolori addominali e frequenti diarree. Le cause della malattia, tuttavia, sono ancor sconosciute e s’ipotizza che all’origine vi sia una compartecipazione di più fattori, tra cui: una predisposizione genetica, un forte tramua, una gravidanza, un intervento chirurgico o un’infezione. A tal proposito, alcuni studiosi hanno avanzato l’ipotesi che la celiachia potrebbe essere innescata dal rotavirus, un virus molto comune che provoca enterite. 

Cos’è il rotavirus

Si tratta di un virus che aggredisce le cellule dell’intestino tenue attraverso una particolare tossina ed è la causa più comune di gastroenterite in età pediatrica, soprattutto nei neonati e nei bambini sotto i cinque anni d’età. La malattia si manifesta, in genere, in modo sintomatico e grave, accompagnandosi a febbre, vomito e diarrea, sintomi che normalmente regrediscono dopo circa dieci giorni dall’insorgere dell’infezione (nei casi più gravi anche dopo un paio di mesi).

Celiachia nei bambini e rotavirus: un possibile legame

Una ricerca pubblicata sulla rivista Gastroenterology (firmata anche da quattro ricercatori italiani) ha dimostrato un forte legame fra la celiachia e le gastroenteriti virali. Inoltre, da quanto prospettato dallo studio, probabilmente sarà sufficiente solo una vaccinazione per evitare l’insorgere della patologia nei soggetti geneticamente predisposti. Secondo i dati pubblicati, le infezioni virali causate da norovirusreovirus rotavirus aumentano i rischi di sviluppare la celiachia: questa conclusione è stata raggiunta dopo aver esaminato le biopsie della mucosa duodenale e le analisi sierologiche di 150 pazienti colpiti da celiachia con altrettanti soggetti sani. I dati emersi hanno evidenziato che tutte le persone ammalate, almeno una volta nella vita, avevano sofferto di un’infezione intestinale.

Un vaccino contro la celiachia?

In base a quanto scoperto, basterebbe un unico vaccino per impedire l’insorgere della celiachia. Il vaccino è disponibile Italia da 2006, ma è gratuito solo nella Regione Sicilia. Invece, come si auspicato tutti i dottori, sarebbe preferibile che ogni famiglia italiana possa goderne, così da evitare il manifestarsi di una patologia importante cime la celiachie.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti

  • Fate fare i vaccini!!!!!!!!

    Ilenia Cleo Ilenia Cleo 13 dicembre 2016 13:00 Rispondi
  • Ok,ma i miei figli non lo hanno fatto e non so’il perché. La pediatra all’epoca non mi disse nulla, ma neanche al ASL dove facevano i vaccini. A che mesi o età si fa’ questo il vaccino Rotavirus ?

    Nadia Brighenti Nadia Brighenti 13 dicembre 2016 13:56 Rispondi
    • Salve mio figlio ha fatto il rotavirus prima di compiere un anno. Nel libretto dei vaccini sono indicati tutti e in quale fascia di età vanno fatti.

      Barrilà Rosetta Barrilà Rosetta 13 dicembre 2016 22:17 Rispondi
  • Il vaccino al rotavirus era praticato negli Stati Uniti ma poi fu ritirato perché portava con sé molti effetti collaterali.
    In uno studio della ospedale Gaslini di Genova è spiegato bene il rapporto tra rotavirus e celiachia. Ma non è un dato sicuro al 100% che se un bambino prende rotavirus allora diventa celiaco.
    Anche perché celiaci si nasce .Grazie ad un esame genetico lo si può sapere.

    Anna Bragaglia Anna Bragaglia 13 dicembre 2016 15:25 Rispondi
  • Veramente in Finlandia è il primo vaccino obbligatorio che fann

    Marianna Mazza Marianna Mazza 13 dicembre 2016 16:10 Rispondi
  • Angela Bonazza

    Michela Pendezini Michela Pendezini 13 dicembre 2016 21:45 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *