Birthing ball: durante il travaglio…ma non solo!

Scritto da

Durante il corso preparto, le ostetriche vi hanno parlato (o vi parleranno!) di come si affronta il travaglio. Esistono tanti modo per trascorrere le ore che vi separano dall’abbracciare il vostro piccolo, e tanti strumenti che possono aiutarvi in quei momenti. La Birthing ball, o palla della gravidanza, è uno di essi: vi spieghiamo cos’è e come funziona.

Come funziona?

In pratica si tratta di una sfera di grande dimensioni, realizzata in pvc anallergico, atossico e anti scoppio, che viene usata nelle palestre per fare ginnastica o nella preparazione al parto.

Antiscoppio significa che anche se dovesse danneggiarsi, l’aria uscirebbe in maniera molto lenta senza sgonfiarsi di colpo: ovviamente per evitare incidenti alla gestante. Ci sono palloni ancora più sicuri con finitura antiscivolo.

A cosa serve?

Se l’avete in casa, potrete utilizzarla per sedervi, e dare sollievo alla vostra schiena e all’eventuale sciatica, che spesso tormenta tante future mamme. Appoggiatevi su di essa: le ginocchia devono essere circa 10 centimetri più in basso dei fianchi. Cercate di trovare il vostro equilibrio: all’inizio fatevi aiutare e indossate anche le calze antiscivolo. Potete usarla per fare una ginnastica dolce, dondolando lentamente e delicatamente il bacino.

La palla della gravidanza viene addirittura usata per aiutare il bambino a girarsi se dovesse essere podalico. Ovviamente non sempre funziona, ma sicuramente potrebbe aiutare ad evitare un cesareo.

E durante il travaglio? Qui sicuramente è molto utile: è raccomandata dalle ostetriche, che suggeriscono le posizioni che possono aiutare le donne ad affrontare in maniera migliore il dolore delle contrazioni. In questo modo è possibile avere un atteggiamento più attivo nei confronti del dolore: è possibile anche coinvolgere il partner nei movimenti e farlo sentire più utile.

Ma sapete che dopo il parto potete sgonfiare un po’ questa palla, renderla più morbida e usarla come appoggio per l’allattamento?

 Davvero un oggetto dai mille usi!

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *