Latte d’asina per i bambini allergici al latte vaccino?

Scritto da
atte-asina-bambini-allergici-al latte vaccino

I bambini allergici alle proteine contenute nel latte vaccino hanno a disposizione un prezioso sostituto ovvero il latte d’asina.

Latte d’asina: un toccasana per bambini allergici alle proteine del latte vaccino

Secondo recenti ricerche condotte da un gruppo di scienziati, il latte d’asina conterrebbe un gran numero di proprietà benefiche e sarebbe la migliore alternativa al latte di mamma quando quest’ultimo non è disponibile per differenti ragioni. Secondo i ricercatori del dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa, soprattutto il latte d’asina amiatina, rappresenterebbe un eccellente sostituto del latte vaccino ma anche di quello formulato disponibile in commercio. Il latte di mucca è ampiamente adoperato come sostituto di quello materno ma il 7,5% dei neonati è interessato dall’allergia alle proteine del latte vaccino.

Latte d’asina: le proprietà nutritive

L’industria ha cercato di risolvere questo problema proponendo latte privo di lattosio ma che spesso ha un gusto tutt’altro che gradevole. Il latte d’asina non solo ha un sapore particolarmente apprezzato dai più piccoli, ma viene tollerato molto bene da chi è allergico a quello vaccino. Il latte d’asina ha un contenuto proteico medio paragonabile a quello del latte materno, contiene poche caseine e la presenza di elevate percentuali di lisozomi e lattoferrina aiutano a ridurre significativamente la possibilità di contrarre infezioni di tipo intestinale. Inoltre, il latte d’asina così come quello materno, contiene un buon quantitativo di lattosio che stimola l’assorbimento del calcio, fondamentale per la crescita del bambino.

Latte d’asina per bambini allergici: dove trovarlo?

Allo stato attuale delle cose, reperire latte di asina amiatina non è così semplice a meno che non si abiti nei pressi del monte Amiata in Toscana. Per ovviare a questo problema si sta pensando di immettere sul mercato latte biologico d’asina amiatina sia fresco che liofilizzato per renderlo disponibile a un più vasto bacino di utenti. In questo modo sarà più facilmente accessibile da parte di tutte quelle mamme che hanno bisogno di nutrire il loro bambino con latte gustoso e salubre ma privo delle proteine del latte vaccino.

Categorie dell'articolo:
Alimentazione · Cura del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *