Bagno dopo mangiato: si può o non si può?

Scritto da

Quella del bagno sì o bagno no dopo pranzo è una questione annosa, rispetto alla quale si intrecciano saggezza popolare, pareri medici e consigli legati al buon senso. Mamme e nonne ci hanno sempre detto che per tuffarsi occorre aspettare almeno 2 o 3 ore dalla fine del pasto, ma è proprio vero?

La risposta giusta alla domanda è “dipende”. La scelta se buttarsi in mare comunque oppure aspettare dipende infatti da molti fattori, primo fra tutti da cosa si è mangiato. Non tutti i pasti sono uguali, e se per digerire un trancio di tonno in zuppa o una lasagna possono servire anche più di 4 ore (povere noi!), d’altra parte è pur vero che digerire un panino vegetariano o un piatto di pasta con un condimento light (no a sughi elaborati) richiede meno delle 2-3 ore canoniche. Insomma, il consiglio è di stare leggeri e di prestare attenzione agli alcolici, che vanno evitati se vogliamo fare il bagno.

C’è da dire che non esistono test scientifici che stabiliscano con precisione quanto tempo bisogna aspettare, e gli stessi pareri dei medici sono discordanti. Il principio di fondo resta dunque quello di affidarsi al buon senso.

Fra le cose da tenere a mente c’è il fatto di immergersi in acqua gradualmente, perché se – al contrario – l’immersione è troppo rapida si rischia uno shock termico, con possibilità di svenimento in acqua, e la tanto temuta congestione. Prima di buttarci, allora, valutiamo la temperatura dell’acqua e quella del nostro corpo: se siamo accaldati e l’acqua è troppo fredda, meglio aspettare, o bagnarsi poco alla volta, cosicché il corpo si abitui.

Altra regola da ricordare è che a stomaco pieno qualsiasi attività fisica è sconsigliata, compresi il nuoto e i tuffi. Durante la digestione il sangue affluisce verso l’intestino, a scapito dei muscoli, e se pur è vero che in realtà il nostro organismo sa garantire in simultanea la funzione digestiva e quella motoria, il rischio crampi muscolari non è escluso (e se stiamo nuotando al largo può diventare un problema serio).

Ma poi, perché andare al mare subito dopo mangiato? Se sappiamo già di aver fatto un pasto pesante e di dover attendere qualche ora, meglio aspettare a casa o riposarci all’ombra in pineta, piuttosto che rischiare un colpo di calore stesi sotto il sole cocente…

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *