Aumentano i congedi di paternità

Scritto da

La figura del “mammo”, ovvero del papà che si occupa del neonato e della casa, lungi dall’essere una mera rappresentazione cinematografica, in Italia va sempre più affermandosi. A dimostrarlo sono gli ultimi dati statistici che testimoniano il significativo aumento dei congedi di paternità: dal 2008 al 2014 si è registrato un incremento pari al 5,2%.

L’Italia non è più il fanalino di coda relativamente alla parità tra generi all’interno della coppia: secondo una recente ricerca statistica, infatti, si è allineata agli standard europei per quanto riguarda il numero di papà che si astengono dal lavoro per potersi prendere cura del figlio appena nato. Il congedo di paternità, che può essere richiesto da tutti i lavoratori dipendenti e da coloro che risultano iscritti alla Gestione Separata dell’INPS, presenta la medesima durata di quello di maternità e non è compatibile con quest’ultimo; cioè a dire che entrambi i genitori lavoratori dipendenti non possono fruire contemporaneamente del congedo parentale. Va detto, d’altra parte, che il legislatore prevede anche il diritto per il genitore maschio di richiedere il permesso di allontanarsi dal lavoro dopo la nascita del figlio, quando la madre del nascituro risulta essere una lavoratrice autonoma (diritto che sarà introdotto dal decreto legislativo 80/2015). Ricordiamo, inoltre, che il congedo parentale sia del padre che della madre, dà diritto a una indennità pari all’80% dello stipendio e che questo periodo, ai fini della progressione della carriera, verrà conteggiato alla stregua di quello lavorativo.

Insomma sono aumentati notevolmente i papà baby-sitter, in barba allo stereotipo secondo cui è la madre l’unica in grado di occuparsi dell’accudimento dei figli, soprattutto se neonati. Si tratta senz’altro di un dato positivo per un duplice motivo: da una parte si garantisce un maggiore equilibrio nell’ambito delle dinamiche genitoriali e, dall’altro, si contribuisce a rendere possibile una maggiore parità nelle opportunità di carriera di entrambi i partner.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *