Allattare al seno è difficile: la storia di Remi e del piccolo Rudy

Scritto da
Remi Peers allattare al seno è difficile
info@maternita.it'

Allattare al seno è difficile? Qualcuno storcerà il naso pensando si tratti del gesto più naturale del mondo, quello che crea intimità tra la madre e il figlio. Eppure non è sempre così. Lo dimostra la storia di Remi, una giovane mamma, che ha avuto tante difficoltà per allattare.

Allattare al seno è difficile… Quanti problemi!

Remi è diventata famosa per aver postato alcune sue foto in cui manifesta sofferenza e mostra un seno rosso e dolente. E il racconto accompagnato alle foto è anche un po’ polemico perché Remi afferma di aver imparato tutto da sola, senza aiuto. Attorno a lei solo chi è pronto a puntarti il dito contro per far emergere le tue incapacità…

Ci vuole coraggio ma si può sbagliare!

Tanti i problemi di Remi: il latte che arriva dopo ben cinque giorni, la mastite, le dolorosissime ragadi e poi un ingorgo mammario con conseguente febbre altissima e cura antibiotica. Qualcuno potrebbe tuonare “Ma chi te lo ha fatto fare?“. Certo sarebbe stato più facile alimentare il bambino con il latte in polvere, ma la storia di Remi – che oggi è più che mai felice affianco al suo Rudy – dimostra che ogni mamma per il suo cucciolo ha coraggio e forza da vendere.

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
· · ·
Categorie dell'articolo:
News e Gossip · Notizie dal mondo

Commenti

  • É fa male lo só bene…ma devi insistere,un consiglio vai sotto la doccia e con l’acqua calda ma veramente calda 30 minuti poi attaca il bimbo al seno vedi come funziona una o due volte, forza 🙂

    Gianna Mirkovic Gianna Mirkovic 15 maggio 2017 20:12 Rispondi
    • Purtroppo non sempre funziona, avevo provato anch’io con gli impacchi e le docce ma non era passata, alla fine avevo pure la febbre, son dovuta ricorrere alle cure del medico 🙁

      Jenny Pellizzer Jenny Pellizzer 17 maggio 2017 7:40 Rispondi
    • Non sempre é cosa facile anche sé sembrerebe la cosa più normale del mondo….Sé si può bene altrimenti c’è anche il biberon, io mi ritengo molto fortunata ringraziando il signore che posso alatare buonagiornata a tutte

      Gianna Mirkovic Gianna Mirkovic 17 maggio 2017 7:58 Rispondi
  • Provato anche io..la capisco bene la ragazza

    Rossella Cabrini Rossella Cabrini 15 maggio 2017 20:14 Rispondi
  • ihih scherzavo ❤

    Sara Addesse Sara Addesse 15 maggio 2017 20:51 Rispondi
  • Cavolo se ti capisco . Primo figlio e ti dico tutto. Grazie ad un ostetricia che mi ha aiutato pacchi caldi e freddi aiutano. Forza tesoro

    Elisa Marinelli Elisa Marinelli 15 maggio 2017 21:46 Rispondi
  • Idem….due volte mastite la prima volta con febbre a 40 ….non volevo allattare più piangevo per il dolore stavo soffrendo molto ma poi pian piano ho continuato …..poi passato capivo come s induriva dovevo mettere impacchi caldi .. per loro questo e altro

    Luigi Martella Luigi Martella 15 maggio 2017 21:54 Rispondi
  • Veronica Rizzuti noi ne sappiamo qualcosa, vero?

    Lucia Intonato Lucia Intonato 15 maggio 2017 23:36 Rispondi
  • Mastite, ragadi, mughetto e infine dotto intasato ed ero talmente stressata che non riuscivo a soddisfarlo ogni volta…na fatica ma farei tutto per lui

    Annarita Cioffi Annarita Cioffi 16 maggio 2017 10:28 Rispondi
  • Io l ho avuta alla fine dell allattamento.dolori atroci e i bozzi fino sotto le ascelle, per nn parlare della caloria…ma per il bene dei figli si soffre!

    Giacoma Mangiapane Giacoma Mangiapane 16 maggio 2017 11:23 Rispondi
  • Un dolore che conosco bene, ma per loro si supera tutto ❤

    Katia Poma Ciccarelli Katia Poma Ciccarelli 16 maggio 2017 14:19 Rispondi
  • Provato….4 mastiti, vari ingorghi e due cicli di antibiotico! Mollato e la seconda volta non ci ho nemmeno provato. Ognuno fa come si sente meglio. Nessuno da condannare, i bambini crescono lo stesso e le mamme non vanno in terapia e non piangono tutto il giorno! Parere personale

    Erica McQueen Erica McQueen 16 maggio 2017 16:18 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *