Il Dopo Parto: 5 cose che capitano a tutte

Scritto da
dopo parto 5 cose che capitano a tutte

Dopo il parto, cambiano tante cose. E non conta quanto ti abbiano raccontato in proposito, quanto tu abbia letto, perché non sarai mai abbastanza preparata.  Ci sono cose di cui non potrai che prendere atto, non appena ti accadranno. Inutile resistere. Arrenditi, non fare sforzi!

La prima. Nefasta & famosa. Il tuo corpo. Non importa se fossi una strafiga da copertina di Vogue. Metti in conto che con lo specchio, almeno per qualche mese, avrai dei problemi di comunicazione. Parlerete un linguaggio diverso. Lui cinico ed ingrato. Tu minaccioso: Se continui così, ti sradico dall’ antina dell’armadio e ti porto in cantina! Se poi, non eri una cover girl, ma una dignitosissima donna normale, non mettere in conto qualche mese, ma una paio di inverni minimo. E ricorda: trattenere il respiro in spiaggia, ti fa solo male. La panza non mente.

La seconda. La dimensione spazio-temporale. Spogliati di ogni orologio. Da polso, da parete, da cellulare. Per te il tempo assumerà un altro ritmo. I 60 minuti della gente comune, per te passeranno in 30 secondi. Quando tuo marito tornerà la sera, tu sarai nella stessa posizione dove ti ha lasciato. In pigiama, sul letto, a combattere con il cuscino dell’allattamento, posizionato a caxxo, mentre tuo figlio piange. 

La terza. Scordati l’intimità di casa dolce casa. Aspettati che, in qualunque momento, possa bussare un nonno alla porta, senza alcun avviso. I nonni, soprattutto quando si tratta di primo nipote, impazziscono. Questo è un bene, ed anche una fortuna se sono efficienti e vicini al nipote. Il problema, però, è della mamma che guarda caso divide la stessa casa dove vive il nipote.  Vi troverete suocere e suoceri,  in casa, senza preavviso. Anche in quel momento in cui vorreste approfittare per fare un sonnellino o per stendervi la crema per le ragadi sui capezzoli. Fingetevi morte e non aprite. 

La quarta. Storia di una pianificazione da vacanza. Con la maternità, non si può più decidere cosa fare in vacanza, all’ultimo minuto. Bisogna trovare posti che abbiamo facilità di accesso con i passeggini, che siano forniti di tutta una serie di servizi alle famiglie, i family friendly insomma. La ricerca non sarà rapidissima. Vi confronterete con chiunque, prima di arrivare ad una soluzione. Per questo motivo, la vacanza andrà necessariamente pianificata con largo anticipo, per non rischiare soluzioni poco confortevoli. Si racconta di madri che abbiano affittato case al mare, con due anni di anticipo!

La quinta. Il confronto. Parlerete anche con gli alberi, ve lo giuro. In caso di primo figlio, soprattutto se non avete nipotini o simili, avrete bisognoso di attingere più informazioni possibili. Che si tratti della sua pupù giallina, o del cibo da svezzamento, poco importa. Avrete internet sempre acceso. Google sarà il vostro amico del cuore. Per non parlare dei forum e delle altre mamme. Sareste disposte a confrontarvi pure con un albero, pur di avere un tacito conforto di stare facendo la cosa giusta. 

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Mamme Blogger

Commenti

  • È tutto vero però dopo quando crescono ne avrai tanta nostalgia

    Aurora Augurio Aurora Augurio 28 febbraio 2017 14:09 Rispondi
  • Nessuna delle 5 per fortuna

    Cecilia Rossi Cecilia Rossi 28 febbraio 2017 14:10 Rispondi
  • Che ansiaaa

    Chiara Sunshine Chiara Sunshine 28 febbraio 2017 14:28 Rispondi
    • Si appunto, basta prendere tutto con calma e serenità e non succede nulla di tutto ciò

      Cecilia Rossi Cecilia Rossi 28 febbraio 2017 14:44 Rispondi
  • La terza di brutto ahahahaha

    Stato di Grazia a chi? Stato di Grazia a chi? 28 febbraio 2017 15:26 Rispondi
  • Emanuela Orefice ihihihi leggi

    Vera Orefice Vera Orefice 28 febbraio 2017 15:31 Rispondi
  • Federica Pompei

    Lavinia Pompei Lavinia Pompei 28 febbraio 2017 15:56 Rispondi
  • Forse sarò una mamma cattiva, ma io mio figlio lo porto ovunque e la mia vita com’era prima è adesso:migliorata grazie a lui.

    Imma Graziano Imma Graziano 28 febbraio 2017 15:58 Rispondi
  • Mamma mia …..così mi sembra una penitenza non un lieto evento …….
    Un po’ di ottimismo su !!!!

    Silvia Bonaldi Silvia Bonaldi 28 febbraio 2017 16:00 Rispondi
  • Giusj Bonanno

    Maria Antonietta Nulli Maria Antonietta Nulli 28 febbraio 2017 17:02 Rispondi
  • Ahahahahah, propio così!

    Anilda Ndoja Anilda Ndoja 28 febbraio 2017 18:42 Rispondi
  • Elena Azzurra Spaziani

    Valentina Del Bravo Valentina Del Bravo 28 febbraio 2017 18:48 Rispondi
  • Francesca Gioia

    Gio Gioia Gio Gioia 28 febbraio 2017 22:58 Rispondi
  • Niente di tutto ciò, io ad esempio in gravidanza ho perso sedici kg, grazie o per colpa del mal di stomaco e adesso dopo sei mesi sono riuscita a dimagrire ancora…
    ai parenti basta chiedere di avvisare e stabilite voi gli orari, per il resto tutto viene naturale, se ho davvero dei dubbi chiamo il pediatra
    Vacanze meglio il last minute xche non sai mai fino all’ultimo se il bimbo/a starà bene prima di partire
    Di certo un neonato ti cambia gli orari e la vita, ma quanta gioia da!

    Elisa Barelli Elisa Barelli 1 marzo 2017 8:16 Rispondi
  • Io di figli ne ho 3 ma mi sembra una grossa cretinata questa, io rispetto il pensiero degli altri, ma cosi invece di incoraggiare una futura mamma si scoraggia! Se tutte queste cose sono vere e perché alla fine si è voluto così, altrimenti le cose non cambiano mai!!!

    Sabrina Piu Sabrina Piu 1 marzo 2017 21:33 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *