Tutto quello che c’è da sapere sul piano del parto

Scritto da
tutto-quello-che-ce-da-sapere-sul-piano-del-parto

La gravidanza rappresenta senza dubbio un momento molto importante nella vita di una donna.

Questo evento genera sicuramente molta gioia ma allo stesso tempo può incutere timore. Pertanto in tanti consigliano di creare un piano del parto, affinché la futura mamma possa vivere questa esperienza nel modo più sereno possibile.

Che cos’è un piano del parto

Il piano del parto costituisce una sorta di documento scritto che viene firmato dalla mamma prima della nascita del bambino.

All’interno del documento sono presenti le volontà della donna rispetto alle modalità del parto. Tale foglio verrà poi affiancato dalla cartella clinica della futura mamma e dovrà essere consegnato a chi dovrà assistere alla nascita del bimbo.

Questo processo, chiamato anche birth plan, al giorno d’oggi non è ancora molto diffuso ma può essere molto utile dal momento che presenta numerosi vantaggi.

Con questo piano nascita infatti, una mamma potrà esprimere non solo le proprie preferenze legate al parto ma anche quelle che riguardano l’assistenza prima e dopo tale evento. Pertanto il piano nascita può riguardare anche l’allattamento, la gestione del neonato, il rapporto con chi gli sta intorno e molto altro ancora.

Qual è l’obiettivo del piano del parto

Lo scopo principale di un piano del parto è indubbiamente l’ascolto. Non tutte le strutture ospedaliere agiscono allo stesso modo ed è importante per una neo mamma poter essere assistita nel modo migliore possibile.

Di solito comunque si tratta di una decisione che viene condivisa già dal momento della gravidanza poiché le ostetriche sono molto aperte al confronto e al dialogo. Chi non ha una propria ostetrica che si occupi della gravidanza può discutere del piano del parto al corso di accompagnamento oppure può prendere un appuntamento con un’ostetrica nel punto nascita in cui si intende partorire.

È bene comunque cercare di parlarne sempre con il personale dell’ospedale prima che si arrivi al momento del travaglio. Inoltre è opportuno ricordare che ogni richiesta deve essere realistica e fondata su informazioni scientifiche e corrette.

Soltanto in questo modo il piano del parto potrà essere preso in considerazione e non essere cestinato. Per tale ragione per evitare una delusione ai genitori è opportuno informarsi sempre accuratamente su ciò è possibile fare (tenendo conto che potrebbero sorgere delle complicazioni sia durante il travaglio che durante il parto) in modo da soddisfare pienamente le esigenze della mamma.

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.