Parto indolore? A Torino la partoanalgesia è una chimera

Scritto da
Partoanalgesia parto indolore non garantito

Nonostante il parto indolore sia un diritto della partoriente, e sia in aumento il numero di donne che ne fanno richiesta, sembra che in provincia di Torino la partoanalgesia sia ancora una chimera.

Partoanalgesia gratuita: garantita solo al Sant’Anna

Le uniche fortunate, a quanto pare, sono le future mamme che decidono di partorire al Sant’Anna di Torino. Qui è garantita la partoanalgesia gratuita con epidurale a chiunque ne faccia richiesta, con un anestesista disponibile 7 giorni alla settimana, 24 ore su 24.

A Moncalieri e a Chieri, invece, è possibile avere l’epidurale solo “per necessità clinica“, mentre al Mauriziano, al Maria Vittoria e al Martini si è deciso di puntare sul protossido di azoto che, pur se efficace, non lo è quanto l’anestesia peridurale.

 La bandiera nera, nel campo della parto analgesia, va agli ospedali di Rivoli, Pinerolo, Chivasso, Ciriè e Ivrea, dove l’anestesia peridurale non è garantita in nessun caso se non, ovviamente, per chi deve sottoporsi al cesareo.

Un problema di costi per garantire la partoanalgesia

A quanto pare, non è bastata la riduzione dei punti nascita operata secondo il criterio del volume delle nascite (i punti nascita con meno di 1000 parti all’anno sono stati chiusi o accorpati con altri più grandi), per rendere più efficiente il sistema, perché il problema della parto analgesia permane. Ed è diffuso a tutta la regione, non  limitato solamente alla provincia di Torino.

Il Sant’Anna può garantire un servizio così efficiente perché il numero di parti che avvengono in questa struttura è quantificabile su circa 7000 all’anno, quasi sette volte in più rispetto agli altri punti nascita. Che per offrire lo stesso servizio dovrebbero avere un turno dedicato di anestesisti. E aggiungere altro personale, si sa, comporta una spesa piuttosto elevata. Per questo alcuni ospedali hanno deciso di abolire del tutto il servizio, anche quello a pagamento, oppure di adottare l’analgesia con il protossido di azoto.

Una situazione paradossale, alla quale la regione dovrà presto porre rimedio, dal momento che l’anestesia peridurale è stata inserita nei servizi di base garantiti dai nuovi Lea.

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *