Quando il parto diventa un abuso: storie di violenza ostetrica

Scritto da
violenza ostetrica #bastatacere

Ho provato sconforto e indignazione quando ho letto della lettera di denuncia di una donna che all’ospedale Cardarelli di Napoli ha ricevuto un trattamento a dir poco vergognoso durante il parto.

Vessata in uno dei momenti più delicati della sua vita ha deciso di non restare in silenzio e ha messo nero su bianco quanto accadutole.

La vicenda della neomamma

Ripercorriamo insieme, velocemente, il calvario della donna descritto nella lettera.

La donna arriva in ospedale con le contrazioni. Dopo essere stata accolta da una dottoressa gentile e professionale, al cambio turno la sgradevole sorpresa di quella che dovrebbe essere un’ostetrica, che la tratta quasi fosse carne da macello. Forzata a camminare dopo che le si sono rotte le acque, insultata durante il travaglio con frasi volgari e denigrata anche in seguito a una emorragia. Come se non bastasse, ignorata per tutta la notte.

La donna però, una biologa che ha partorito la sua seconda bambina, non ci è stata. È per questo che ha deciso di scrivere questa lettera di denuncia, per semplificare anche il percorso di chi verrà dopo di lei. 

L’ospedale ha aperto un’indagine interna

La risposta del direttore è stata repentina e molto ferma: ha subito disposto un’indagine interna per accertare le responsabilità mentre il primario afferma:

Non ci possono essere giustificazioni. Sui pazienti non possono pesare le condizioni di lavoro. Non lo accetto. Non è sufficiente una prestazione sanitaria tecnicamente corretta, ma è necessario costruire un rapporto diretto col degente che è prima di tutto una persona.

Una proposta di legge contro la violenza ostetrica

Non a caso il deputato Zaccagnini, qualche tempo fa, ha presentato una proposta di legge contro la violenza ostetrica, perché sono ancora troppe le donne che la subiscono credendo, peraltro, che il trattamento loro riservato sia normale.

Dispiace inoltre pensare che, come sempre accade, a causa di pochi che non svolgono bene il proprio mestiere è spesso tutta la categoria a rimetterci.

Allora rilanciamo l’hashtag: #bastatacere.

La denuncia di atti denigratori e umilianti è sempre dovuta per tutelare le mamme che verranno dopo di noi.

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Rispondi a Alessandra Angioni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *