Papà oltre i 35 anni: quali sono i rischi per il bambino?

Scritto da
papa-oltre-i-35-anni-quali-sono-i-rischi-per-il-bambino
info@maternita.it'

Secondo un recente studio americano sembrerebbe che ormai per la salute del bambino non sia un rischio soltanto l’età avanzata delle donne ma anche quella dei papà. Sembrerebbe infatti che gli uomini con più di 35 anni che decidono di mettere al mondo un figlio possano portare dei rischi al bambino.

Papà oltre i 35 anni: i rischi per il futuro nascituro

Secondo una ricerca condotta da alcuni studiosi americani, sembrerebbe che oltre a quella della madre anche l’età biologia del padre possa avere una certa influenza sulla salute del piccolo.

Lo studio è stato pubblicato sul British Medical Journal ed è stato portato avanti dagli studiosi della Stanford University School of Medicine, i quali hanno sostenuto che se il papà e abbastanza in là con gli anni il bambino alla nascita potrebbe avere problemi come convulsioni e basso peso.

Anche la mamma potrebbe essere a rischio durante la gravidanza e contrarre malattie pericolose come ad esempio il diabete. Uno dei partecipanti alla ricerca, Michael Eisenberg, ha quindi sostenuto che la salute del bambino alla nascita dipende da entrambi i genitori.

Papà over 35: i risultati dello studio

Dai risultati dello studio è emerso che i bambini nati da padri con più di 35 anni erano sottoposti ad un rischio maggiore e potevano presentare alla nascita convulsioni, necessità di ventilazione, peso basso. Pertanto maggiore è l’età del papà e maggiore sarà il rischio per il bambino.

Ad esempio gli uomini di oltre 45 anni hanno una possibilità maggiore del 14% di avere un figlio nato prematuro rispetto ad un uomo dai 25 ai 35 anni (età media in America per i padri). Se il papà invece ha 50 anni o addirittura oltre il bambino ha circa il 28% di possibilità in più di essere ammesso al reparto di terapia intensiva neonatale. In ogni caso lo studioso Michael Eisenberg precisa che per il momento i rischi tendono ad essere ancora bassi e che dunque non bisogna allarmarsi. Tuttavia è sempre bene tenere in considerazione tale informazione per chi volesse costruirsi una famiglia in futuro e volesse essere certo di assicurare il meglio al proprio bambino.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.