Una nuova legge a tutela del parto

Scritto da
diritti-delle-partorienti

Resto sempre molto sorpresa, quando a fare leggi per la salute e il benessere esclusivi della donna (parliamo del parto) sono degli uomini. Eppure è così: mi riferisco alla proposta di legge di Antonio Zaccagnino “Norme per la tutela dei diritti della partoriente e del neonato e per la promozione del parto fisiologico”.

 181

La proposta di legge che tutela le mamme e i neonati

 La proposta di legge è strutturata su IV capi e 25 articoli con i quali si cercano di tutelare libertà, dignità e diritti della partoriente e dei neonati.  

Nella presentazione alla legge, il deputato Zaccagnino rende noto che il non rispetto e la mancata assistenza al parto, violano i diritti della persona come enunciato nelle dichiarazioni universali e sottolinea come “In particolare i maltrattamenti durante il parto violano il diritto costituzionale alla salute delle donne e dei bambini. Si ritiene che nessun obiettivo di salute, sia individuale che pubblica, possa essere raggiunto e realizzato senza riconoscere e tutelare i fondamentali diritti della persona”.

Le novità più importanti della legge a tutela della donna

 Tra alcune novità vi è la “Fattispecie della violenza ostetrica: un tipo di violenza (riconosciuta nei paesi dell’America latina) che riguarda alcune pratiche mediche (e non) imposte alla donna, come il parto supina e con le gambe alzate, l’esposizione del corpo violando la dignità personale, il mancato contatto col bambino. Per questo  reato sono previsti da 2 a 4 anni di carcere.

Altre pratiche deprecate sono: “l’episiotomia, la ventosa, il forcipe, la rottura artificiale delle membrane, la manovra di Kristeller, l’induzione del travaglio e ogni altra pratica a cui la donna non abbia espressamente consentito”.

 Si fissano poi, in sede civile, risarcimenti molto salati per tutti i danni che la donna può subire ai propri organi interni ed esterni, si può arrivare fino a 400.000 euro di risarcimento in base alle lesioni. Più tutela, insomma, per un’esperienza che dovrebbe essere bella e naturale senza troppe leggi

Categorie dell'articolo:
Mamme e lavoro

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *