Un cuore di siringhe: la storia d’amore di mamma Angela

Scritto da
neonata in un cuore di siringhe fecondazione

Se c’è una foto che descrive bene le lacrime, il dolore e la gioia della fecondazione in vitro non può che essere questa.

Il Dr. Molina Dayal allo Sher Fertility St. Luise ha condiviso una foto a dir poco creativa su richiesta di mamma Angela, una sua paziente. La donna ha voluto restare anonima e ha preferito che si usasse solo il nome di battesimo.

Una neonata circondata da un cuore di siringhe

La foto ritrae una neonata circondata da un cuore di siringhe. Quelle siringhe rappresentano il lungo e doloroso viaggio verso il concepimento che la donna ha dovuto affrontare. 

 La didascalia scelta dalla pagina Facebook dello Sher Institute è:

[la foto] mostra la vera definizione di amore che ci è voluto per mettere al mondo questa splendida neonata

Il video della settimana

Infatti il Dr Molina conferma che quelle in foto non sono tutte le medicine che la donna ha dovuto assumere per concepire la piccola e afferma che mamma Angela ha fatto molti cicli di fecondazione in vitro nel corso di un anno e mezzo.

Un aiuto per chi intraprende questa strada

La donna ha voluto che la foto venisse pubblicata per aiutare altre donne che devono affrontare questa dura strada. In un’intervista rilasciata alla ABC ha detto:

Le punture sono stata la parte più semplice. Il turbinio di emozioni, gli alti e bassi sono stati quelli che hanno lasciato il segno. Sono single e ho aspettato tanto tempo di trovare un compagno. E dopo questo tempo è stato difficile restare incinta.

Chiaramente la foto ha ricevuto migliaia di like e condivisioni e le struggenti testimonianze di chi quella strada l’ha percorsa, a volte con successo e a volte no. 

Ho avuto la fortuna di avere avuto mia figlia in maniera naturale e non posso nemmeno capire cosa possano provare le donne che attendono un figlio che non arriva e decidono di cominciare questo percorso di sofferenza e amore.

Categorie dell'articolo:
Fecondazione assistita

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *