Maternità facoltativa: ecco i vostri diritti!

Scritto da
Maternità facoltativa diritti mamme

L’Italia non è un modello da prendere come esempio quando si parla di servizi e agevolazioni per le famiglie: una delle misure di cui ultimamente sentiamo spesso parlare è il bonus bebè che, nelle intenzioni del legislatore, dovrebbe raddoppiare nell’importo il prossimo anno. Molti genitori si trovano scettici in proposito, lamentando carenze strutturali a sostegno della famiglia da parte dello Stato; tuttavia, per una volta lasciamo da parte le polemiche e le mancanze e diamo un’occhiata a un istituto che da anni agevola la vita delle neo mamme e dei neo papà.

Maternità facoltativa: i diritte dei genitori durante la maternità

Stiamo parlando della maternità facoltativa, tecnicamente definita congedo parentale. Si tratta di un periodo di tempo in più che i genitori lavoratori hanno diritto una volta spirati i tre mesi di astensione, successivi al parto (o quattro, se la donna ha avuto la possibilità e ha deciso di lavorare fino all’ottavo mese di gestazione).
Grazie alla maternità facoltiva, sia la mamma che il padre possono assentarsi dal lavoro e percepire una retribuzione al 30%, per prendersi cura del loro bambino.

La durata dei congedi parentali è variabile a seconda del contratto di lavoro che hanno i genitori. Se entrambi sono lavoratori dipendenti spettano 6 mesi alla madre e 6 oppure 7 mesi al padre (sono 7 i mesi se il padre fruisce un periodo di astensione di almeno 3 mesi, continuativi o frazionati), arrivando a un totale di 10 o 11 mesi, da utilizzarsi per ciascun figlio, entro il compimento del dodicesimo anno di vita.

Il periodo può essere utilizzato contemporaneamente da entrambi i genitori e può essere fruito in maniera continuativa oppure frazionata.

Il padre lavoratore dipendente ha diritto solo a 7 mesi di congedo se la madre non lavora; se la madre è una lavoratrice autonoma, questa ha diritto a 3 mesi di congedo, mentre il padre lavoratore autonomo non ha diritti in tal senso.

Il video della settimana

Per le madri che, invece, preferiscono rientrare al lavoro dopo il periodo di astensione obbligatoria spettano i permessi allattamento, fino all’anno di vita del bambino, pari a 1 ora al giorno se l’orario di lavoro è inferiore alle 6 ore oppure a 2 ore al giorno.

Categorie dell'articolo:
Mamme e lavoro

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.