Lo porto all’asilo oppure lo tengo a casa finchè non calano i contagi?

Scritto da
lo-porto-allasilo-oppure-lo-tengo-a-casa-finche-non-calano-i-contagi


Una domanda che forse si saranno fatte tante mamme con bambini piccoli che il 10 gennaio hanno dovuto scegliere se portarli all’asilo oppure aspettare che il picco di contagi cali e la situazione si normalizzi.

Le scuole e gli asili infatti hanno riaperto, come voluto fortemente da Governo, tra le richieste di DAD e rinvio di molti presidi e genitori. Tuttoscuola ha stimato che in pochi giorni dalla riapertura in Italia ci sarebbero circa 20 mila sezioni dell’infanzia chiuse con tutti i bambini in quarantena per almeno dieci giorni a causa dei contagi.

Ipotesi alla luce delle quali alcuni si chiedono se non fosse meglio posticipare l’apertura delle scuole, o almeno quella degli asili.

Fare la scelta giusta non è semplice perchè i genitori sono combattuti tra la volontà di tutelare i propri figli ed eventualmente i fragili (ad esempio i nonni) che li frequentano e le necessità lavorative o personali che ogni famiglia ha.

Scuola dell’infanzia: tutti a casa con un solo positivo

La scuola dell’infanzia è l’unica per la quale si prevede la quarantena per tutta la classe con un solo caso di positività. Fatto che con i numeri attuali potrebbe significare una frequenza a singhiozzo per mesi.

Lo schema per la gestione dei contagi, aggiornato all’ultimo DL, è il seguente:

  • scuola dell’infanzia: con un caso di positività, il gruppo classe segue la quarantena per 10 giorni
  • scuola primaria: con un caso di positività, la scuola continua, viene effettuato lo screening rapido o molecolare e ripetuto a distanza di 5 giorni, mentre con 2 o più casi, la classe entra in quarantena per 10 giorni
  • scuole medie e superiori: con un caso di positività la scuola continua con obbligo di autosorveglianza e mascherina FFP2, con due casi la quarantena di 10 giorni è prevista per chi non è vaccinato e per chi ha concluso il ciclo vaccinale primario o ha avuto la guarigione da più di 120 giorni, mentre continua in presenza con autosorveglianza e mascherina FFP2 per tutti gli altri. La quarantena di 10 giorni scatta per tutta a classe con 3 positivi.

Pediatra lo porto all’asilo o no?

Uno dei pediatri che si è esposto sul tema via social è Antonio Di Mauro, pediatra pugliese che cerca di rassicurare e anche far ragionare i genitori perplessi e preoccupati.

La lunga riflessione raccolta in un post pubblicato sul suo profilo social, è un chiaro spunto di riflessione per genitori ed educatori che si ritrovano davanti alla difficile scelta.
Appoggiare o meno l’apertura e la frequenza al nido e alla scuola materna?

Il video della settimana

L’unica struttura che non ha nessun obbligo di frequenza e che rimane a discrezione della scelta dei genitori la scelta di riempire le classi.

Importante ricordarsi, ricorda il pediatra, che la scelta consapevole di un genitore è sempre quella giusta.

“Non andare all’asilo è per un bambino una mancata possibilità di crescita…non solo didattica. E i risvolti neuropsichiatrici degli scorsi lockdown ne sono una prova.
Andare all’asilo in queste condizioni epidemiologiche, significa però accettare l’altissimo rischio di contagiarsi. E con l’aumento dei contagi, casi gravi ne vedremo sempre più anche tra i bambini. Inutile negarlo. Le armi sono sempre le stesse, misure igieniche e – per chi può – il vaccino. Per tutto il resto, bisogna affidarsi al buon senso, ai protocolli e alle regole”.

Pediatra Carla a coloro che le chiedono se è il caso di ritirarli dall’asilo risponde: “Non c’è una risposta univoca, dipende dalla vostra situazione familiare. Se convivete con una persona fragile e avete un bimbo all’asilo, la probabilità di portarsi a casa il Covid in questo momento è alta. Se dovete partorire a febbraio, non fate nemmeno lo sforzo di fargli iniziare l’asilo, tenetelo a casa e risparmiatevi difficoltà. Negli altri casi: se siete giovani, vaccinati con 3 dosi e in salute, si può provare e vedremo come va. Se non ve la sentite perché siete troppo in ansia, ascoltatevi e fate solo ciò che vi fa stare psicologicamente bene, questa è la cosa migliore per vostro figlio”.

Tags dell'articolo:
· · ·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.