La storia di nonno Moseley, che realizza berrettini per i neonati della terapia intensiva

Scritto da
la-storia-di-nonno-moseley-che-realizza-berrettini-per-i-neonati-della-terapia-intensiva
info@maternita.it'

Ed Moseley è un nonno di 86 anni in pensione, che vive ad Acworth, in Georgia, ed è diventato famoso sul web, in quanto combatte il suo cancro in un modo molto particolare, tessendo cappelli per i neonati prematuri.

Nonno Mosley contagia tutti

Nonno Moseley ingegnere di professione, chiese a sua figlia di insegnargli come lavorare a maglia e andò in un negozio per comprare aghi, fili e tutto il necessario per aiutare i bambini prematuri.
Quando finalmente ha imparato, Moseley è diventato inarrestabile. Non solo ha realizzato 55 berretti da neonato da solo, ma il suo entusiasmo è diventato contagioso, anche altri hanno iniziato a tessere.

Moseley qualche giorno fa ha consegnato 300 cappelli all’ospedale di Atlanta. Questo ospedale presenta più bambini di qualsiasi altro ospedale negli Stati Uniti e ha circa 2.000 bambini nell’unità di terapia intensiva neonatale, ogni anno.

Linda Kelly, responsabile della clinica, ha detto che è bello ricevere questi meravigliosi doni, soprattutto per le famiglie dei piccoli sono di grande aiuto.

la-storia-di-nonno-moseley-che-realizza-berrettini-per-i-neonati-della-terapia-intensiva

Fonte: (Dogwood Forest Assisted Living )

Moseley è originario del Texas, è vedovo, padre di quattro figli e nonno di otto nipoti. Dal momento che la sua storia è diventata virale, ha ricevuto molti messaggi da persone che lo ringraziano e gli chiedono di continuare il suo lavoro.

I genitori dei bambini prematuri sono davvero felici

I genitori dei bambini prematuri come la famiglia Bunt si sentono così grati e accompagnati nel difficile compito di prendersi cura del loro figlio Matteo che è in terapia intensiva; affermano che è molto bello che molte persone si siano cimentate in questo compito e che Mosley rappresenta il nonno di tutti.
Il successo di Moseley ha persino ispirato i bambini nella scuola in cui sua nipote insegna, ad imparare a lavorare a maglia. L’ospedale ha chiesto al nonno di prendere in considerazione un nuovo progetto: creare berretti rossi anche per i neonati con problemi cardiaci, appena nati nel mese di febbraio, definito come il mese del cuore.

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.