Il bambino non dorme? La soluzione è lo svezzamento precoce.

Scritto da
il-bambino-non-dorme-la-soluzione-e-lo-svezzamento-precoce
info@maternita.it'

Secondo uno studio pubblicato su Jama Pediatrics i bambini svezzati prima dei sei mesi dormono meglio e più a lungo. La novità potrebbe allettare i neogenitori, tuttavia ci sono molte opinioni contrastanti da tenere in considerazione: i pediatri continuano a sconsigliare lo svezzamento precoce poiché potrebbe essere collegato con il rischio di obesità.

I bambini e il sonno: come i cibi solidi riescono ad influenzarlo.

Tutti i genitori si trovano a dover affrontare notti insonni a causa dei continui risvegli del loro bambino. Alcuni ricercatori inglesi hanno cercato di porre rimedio a questo insormontabile problema, indagando sulla relazione tra cibi solidi e sonno nei primi sei mesi di vita. Ai genitori di ben 1300 bambini è stato chiesto di iniziare a svezzare i propri piccoli prima dei sei mesi, l’età consigliata dall’Organizzazione Mondiale per la Salute.

I bambini, la cui età minima era di tre mesi, hanno immediatamente risposto alla ricerca, dormendo ben 17 minuti in più rispetto a coetanei che venivano ancora allattati al seno. Come se non bastasse, i bambini coinvolti nello studio tendevano a svegliarsi con minore frequenza durante la notte, lasciando ai genitori la possibilità di dormire in pace.

Quali sono i rischi dello svezzamento precoce?

Nonostante l’introduzione precoce di cibi solidi non sembri essere collegata con la comparsa di allergie, ci sono opinioni molto contrastanti a riguardo. Numerosi pediatri, infatti, continuano a consigliare di svezzare i propri figli dopo i sei mesi, oppure tra i quattro e i sei mesi. Un’alimentazione scorretta in tenera età potrebbe provocare numerosi danni e rischi per il futuro dei nostri bambini.

La base scientifica su cui si fonda lo studio è il fatto che lo stomaco dei neonati impiega una quantità maggiore di tempo per digerire i cibi solidi, rispetto al latte materno. Nonostante questo, un apporto calorico eccessivo già nei primi mesi di vita sembra essere un biglietto di sola andata verso l’obesità infantile.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Alimentazione · Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.