Da Genova a Shanghai per salvare un neonato

Scritto da
neonato colpito da infarto ospedale pediatrico Gaslini da Genova a Shanghai

Il volo umanitario dell’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova

L’Italia s’è desta: e ha sorvolato mari e continenti per andare a recuperare e provare a salvare un suo piccolo paziente.

È successo a fine luglio, per la precisione il 22, quando i medici dell’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova si sono imbarcati in fretta e furia su un Falcon dell’aeronautica militare. Destinazione: Shanghai.

Un neonato colpito da infarto in pericolo a Shanghai

Obiettivo? Provare a curare, in extremis, un neonato di sole 5 settimane colpito da un grave attacco cardiaco – dalle cause ancora ignote – e dichiarato incurabile dal sistema sanitario cinese.

Il video della settimana

Fosse rimasto lì, il piccolo figlio di una coppia marchigiana residente in estremo oriente, sarebbe morto senza nemmeno un tentativo di cure. E invece, allertato dal console italiano a Shanghai, il team di Patologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale si è preparato in pochissimo tempo per affrontare un volo di 26 ore e riportare a casa il piccolo paziente.

Soccorso in emergenza durante il volo di ritorno, il piccolo è ancora in condizioni serie e delicate, ma la speranza, grazie alla determinazione del team medico, è ancora viva. “Le condizioni cliniche del piccolo sono ancora molto delicate, ma siamo orgogliosi di essere riusciti a ‘riportare a casa’ questo neonato, per offrirgli le migliori cure di un ospedale pediatrico IRCCS, dove i professionisti di tutte le diverse branche specialistiche pediatriche sono al suo servizio per ridargli una speranza” ha dichiarato Silvio Del Buono, direttore sanitario del Gaslini.

 

Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo · Salute del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *