Le prime visite mediche per il bambino

Scritto da

Quando si mette al mondo un figlio sono tante le cose a cui pensare e gli appuntamenti da pianificare. Tra le più importanti vi sono senz’altro le prime visite mediche per il bambino che lo mettono a riparo da eventuali patologie. Vediamo nello specifico quali sono i controlli a cui deve essere sottoposto il piccolo nei primi anni di vita.

Un esame molto importante è l’ecografia all’anca, che va effettuata nei primi tre mesi di vita del bambino. Essa, pur non essendo un esame di routine, viene tuttavia prescritta dalla maggioranza dei pediatri, in quanto  serve a rilevare l’eventuale presenza di una displasia congenita all’anca, ovvero un anormale sviluppo dell’anca. Qualora l’ecografia dovesse risultare positiva, è necessario procedere con la manovra di Ortolani-Barlow, un accertamento diagnostico più specifico.

I Bilanci della salute sono un vero e proprio programma di sorveglianza sanitaria in età pediatrica, ovvero delle visite che consentono di valutare lo stato di salute generale del bambino e la presenza di eventuali irregolarità della crescita. Tali bilanci vengono effettuati dai pediatri del Sistema Sanitario Nazionale.

La prima visita oculistica, qualora non siano state notate anomalie, deve essere prenotata all’incirca intorno al primo anno di vita del piccolo, al fine di effettuare una diagnosi precoce di eventuali problemi oculistici. Se il piccolo non presenta alcun tipo di alterazione, deve ripetere la visita a distanza di due anni.

Per il bambino sano si consiglia la visita cardiologica e l’Ecg (elettrocardiogramma) in corrispondenza del primo anno di vita. Qualora, invece, gli sia stato diagnosticato un soffio al cuore alla nascita, è opportuno effettuare in fase neonatale uno screening accurato, in modo tale da verificare l’eventuale presenza di una cardiopatia.

La prima visita dentistica va effettuata, generalmente, intorno ai quattro anni; nel caso in cui, tuttavia, il bambino abbia fatto un uso prolungato del ciuccio è opportuno anticipare la visita di un anno, per valutare la presenza di eventuali anomalie della struttura dentaria.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *