‘Cosa hai fatto tutto il giorno?’ Il lavoro invisibile delle mamme

Scritto da
info@maternita.it'

Uomini e donne ancora non sono sullo stesso piano per quanto riguarda i compiti domestici e di educazione dei figli: è quello che rivela uno studio condotto da due università americane, che hanno analizzato la posizione professionale e domestica di quasi quattrocento donne. Ne è emerso che una buona parte di esse svolge, oltre al lavoro ufficiale, anche il cosiddetto “lavoro invisibile”, che invece sembra non occupare il tempo dei mariti.

Il lavoro invisibile a carico delle madri: di cosa si tratta

Il lavoro invisibile esiste e riguarda essenzialmente le madri e le mogli: questo dice un’interessante ricerca condotta dalla Arizona State Università e dall’Oklahoma State University. I due atenei hanno analizzato la routine quotidiana di 303 donne americane con un lavoro, madri di figli minorenni e una relazione stabile; il 65% di queste donne lavora fuori e ben il 70% ha ammesso di essere oberata di compiti ulteriori e maggiori rispetto al partner, oltre a quelli inerenti alla propria occupazione.
Il lavoro invisibile che colpisce questa notevole percentuale di donne spazia dai compiti più vari: dall’aiuto coi compiti ai bambini fino alla presenza ai colloqui con i professori, passando per la gestione della cucina e l’alimentazione dei bambini, l’igiene della casa, così come la ninna nanna la preparazione del lettino.

Il lavoro invisibile: quale soluzione al problema?

Per cercare di risolvere questo problema, molto radicato in gran parte del mondo, è necessario anzitutto che il partner riconosca che vi sia un’effettivo carico maggiore di lavoro in capo alla donna. Dopo l’ammissione della situazione sarà possibile iniziare a riequilibrare le cose, con un progressivo intervento del compagno in quelle che solo la società ha categorizzato come mansioni “da donna”.

Occuparsi dell’alimentazione e dell’istruzione del proprio figlio, dargli una mano a fare i compiti e raccontargli una favola prima di dormire sono compiti da genitore, a prescindere dal genere. I benefici saranno molteplici, la donna sarà più rilassata e più capace di dedicare attenzione alla coppia, mentre il rapporto padre-figlio migliorerà e si rafforzerà.

Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo