Pielonefrite nei neonati, di cosa si tratta?

Scritto da
pielonefrine nei neonati

La pielonefrite, che spesso colpisce anche i bambini molto piccoli, è una infiammazione acuta del rene causata da una infezione di origine batterica, proveniente dalla vescica.  

Che cos’è la pielonefrite nei neonati

La pielonefrite, che viene denominata anche pielite, è una infezione a carico del tessuto, dei calici e delle pelvi (o bacinetto) renali. Essa, talora, può essere associata a una malformazione delle vie urinarie ed è caratterizzata dalla seguente sintomatologia:

  • stati febbrili
  • nausea
  • vomito
  • episodi diarroici
  • spasmi a livello lombare e/o addominale
  • dolore al fianco
  • dolore a livello genitale
  • brividi di freddo
  • disuria
  • ematuria
  • irritabilità

La pielonefrite è una condizione patologica più grave della semplice cistite, ovvero della infiammazione batterica della vescica. Va ricordato, d’altra parte, che nei neonati questa malattia non è facilmente diagnosticabile, in quanto i sintomi sono molto più lievi che in un soggetto adulto. Ma bisogna fare molta attenzione: la pielonefrite, infatti, può provocare un danno renale importante e permanente.

Diagnosi e cura della pielonefrite nei neonati

Dopo aver analizzato con cura i sintomi, il medico prescriverà le analisi delle urine, delle radiografie ed eventualmente una TAC per studiare in maniera approfondita tutto l’apparato urinario. Se l’infezione al rene viene rilevata, la terapia prevista è quella a base di antibiotici, i quali impediscono all’infezione di arrecare danni ai reni o di diffondersi nel sangue. La cura, generalmente dura una settimana; trascorso questo tempo si effettuano nuovamente gli esami delle urine al fine di verificare che i microrganismi patogeni siano stati eliminati.

Se la pielite è accompagnata da febbre alta e sintomi dolorosi, è opportuno che al bambino venga somministrato il paracetamolo allo scopo di evitare picchi di febbre troppo elevati e di alleviare il dolore. Contestualmente si raccomanda di far bere al bambino molto acqua e di tenerlo a riposo. 

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Disturbi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *