Per favore, non chiamatelo Allattamento a Richiesta!

Scritto da
allattamento a richiesta non esiste

Allattare è semplicissimo, non hai scuse: in effetti è ancora più facile finché non lo fai. Da incinta ti riesce benissimo (l’idea), sai già tutto, e non appena vedi il tuo piccolo per la prima volta sei certa: lo allatterò a richiesta, perché è la cosa migliore.

Fatichi un po’ a fargli succhiare quelle due gocce di colostro, poi arriva la montata, ti glori per due poppe da paura come nemmeno a bay watch, e in una nuvola rosata di beatitudine – scongiurando ragadi e mastiti – avvii l’allattamento. Giustamente fiera. Perché è cosa buona e giusta e perché, è vero, è anche bellissimo. Bello e sano: di quante cose si può dire altrettanto?

Peccato che l’allattamento a richiesta non esiste.

Ora ti spiego come andrà.
Le prime volte cercherai di capire perché piange (a meno che il tuo piccolo non abbia problemi di crescita, nel qual caso ti prodigherai ad allattarlo sempre, che pianga o che non, che sia sveglio o che dorma): ha freddo? (mai visto un figlio avere freddo, e poi come capirlo?). Lo copro, lo scopro, piange lo stesso. Ha caldo? Gli slaccio la giacchetta, gli apro la tutina. No, piange ancora. Ha mal di pancia? Lo metto a scimmietta sul braccio, mi faccio i chilometri in salotto. Non basta. È troppo stimolato? Spengo la tv, via gli ospiti, abbasso le luci. No, non è nemmeno questo. Allora è stufo: andiamo a passeggio? Si acquieta e pensi di avercela fatta, poi appena imbocchi la via di casa tua, sgrana gli occhi e riattacca a contorcersi in un pianto che, a sto punto, sfida il tuo amorevole istinto materno.
Finché, stremata, lo metti al seno e quello si placa come per incanto.

Le volte successive fai due o tre tentativi, in fondo l’hai allattato un’ora fa, non credi abbia fame. Lo spogli un po’, lo culli, lo distrai, esci, torni, abbassi le luci, rialzi le luci, canti una canzone.

Alla fine lo attacchi e il miracolo si ripete: s’acquieta come gli dessi acqua santa. Magari ha mal di pancia e non è il massimo, ma che devo dirti? Amen.

E così, nel giro di pochissimo e senza quasi rendertene conto, ti ritroverai a saltare tutti i convenevoli: quali tentativi e inutili giri di parole? Lo prendi e lo attacchi, senza passare dal via.

D’altro canto non si è mai visto un neonato che disdegni la Sacra Tetta. E poi… non son sicura che avesse mangiato, prima, quando gli ciondolava l’occhio, quando era in fissa. E poi fra un po’ è l’ora del sonnellino, meglio allattarlo adesso. E poi magari ha sete, ché il latte serve pure per quello…

E dopo mezzora sei ancora lì, perché dalla poppata-pasto sei scivolata alla poppata-per-addormentarlo. E ormai il danno irreparabile è compiuto: avendo scoperto che addormentarlo al seno è enormemente più easy che in qualsiasi altro modo, hai definitivamente intrecciato le due variabili che, da qui in poi, renderanno difficile tutto: sonno e nutrimento. Non capirai se mangia per fame o per addormentarsi, e non capirai se si sveglia perché ha fame o perché dorme solo al seno.

Forse per allattamento “a richiesta” s’intende: quando la madre richiede un po’ di tregua? Perché, in effetti, finirai anche con l’attaccarlo quando è evidentemente non necessario (a lui): ma c’è X-Factor, o la tua amica al telefono, o devi parlare con suo padre, e allora via, attaccati al seno che così sto tranquilla.

Più che allattamento a richiesta è allattamento abusivo.
Ma si sa: in amore e in guerra tutto vale. Figuriamoci nella maternità.

Ps: e adesso non odiatemi… Ne ho allattati tre, l’ultima di 26 mesi ciuccia ancora. L’allattamento è stupendo, solo – vi prego – non chiamatelo “allattamento a richiesta.”

 

Categorie dell'articolo:
Allattamento · Mamme Blogger

Commenti

  • VERO

    Tamara Vispa Tamara Vispa 19 maggio 2016 14:43
  • Assolutamente!!!!

    Rossella Vitolo Rossella Vitolo 19 maggio 2016 14:51
  • 100% !!!

    Anna Tulum Anna Tulum 19 maggio 2016 14:58
  • Quoto…in tutto e x tutto

    Debora Barilaro Debora Barilaro 19 maggio 2016 15:47
  • Ahaha… grazie ragazze, meno male che allora non sono la sola un po’ abusiva 😉

    Pensieri rotondi Pensieri rotondi 19 maggio 2016 15:51
  • Sacrosanta verità…..

    Chicca Stegani Chicca Stegani 19 maggio 2016 17:11
  • Sacrosanta verità!!!!!!!!!

    Catia Rossato Catia Rossato 19 maggio 2016 18:42
  • E’ il momento di mamma e figlio il piu’ bello che esiste!!!

    Concetta Barbato Concetta Barbato 19 maggio 2016 20:37
  • Mito assoluto

    Flaviaeleonora@gmail.com' Flavia 19 maggio 2016 21:26
  • X me è stata una cosa bruttissima !!!
    Mi domando sn la sola???

    Maria Assunta Saba Maria Assunta Saba 19 maggio 2016 22:09
    • Anche per me allattare è stato un vero e proprio incubo! Dopo 2 mesi; i capezzoli spaccati e i nervi a pezzi sono passata al biberon e sono felicissima della scelta!

      Elisa Chiacchio Elisa Chiacchio 20 maggio 2016 10:15
    • Io se avrò altri figli nn li allaterò neanche un giorno!!

      Maria Assunta Saba Maria Assunta Saba 20 maggio 2016 13:40
      • Che tristezza infinita. Spero che prima poi consapevolezza e sensibilità ti illumini mente e cuore.

        naturalentamente@libero.it' Vale-naturalentamente 20 maggio 2016 22:37
    • Idem io sono durata due mesi ahauhauah

      Tiziano Paola Tiziano Paola 20 maggio 2016 14:20
    • I miei purtroppo solo due mesi sono riuscita con aggiunte varie nn ne avevo abbastanza… sinceramente ci ho sofferto parecchio… provo schifo totale verso il latte in polvere infatti appena ho potuto 5mesi e mezzo il primo e 5 la seconda sono passata al latte di riso… un successone.. ora hanno 2 anni e mezzo e 8 mesi e crescono benissimo… abbasso il Latte in polvere!! Se avessi potuto avrei dato il mio volentieri….

      Mara Bovio Mara Bovio 20 maggio 2016 17:26
  • riuscivi a mettere a letto il bimbo senza attaccarlo al seno? perché, per me, il problema principale dell’allattamento a richiesta, libero, confuso, chiamalo come vuoi, è che poi non riesci a far dormire il piccolo senza tetta.

    Pensieri rotondi Pensieri rotondi 19 maggio 2016 22:21
  • Pensa forse sarà anomalo il mio bimbo ma se è sazio non vuole più attaccarsi al seno anzi più insisto piu’ si innervosisce, lo metto nella carrozzina lo ninno e crolla ,solo la sera ama mettersi nel lettone, si attacca un po’ si rilassa e si addormenta,e calcola che ha appena tre mesi…per me il difficile è stata la fase iniziale dell’allattamento, lui si attaccava male e io avevo le racadi e di conseguenza dolore ma una volta aggiustato l’attacco ho capito che esperienza unica è allattare al seno!

    Giorgia Casolari Giorgia Casolari 19 maggio 2016 22:32
  • Post scritto e diretto da ditta venditrice di latte artificiale o biberon, nulla di più falso, le verità son quelle che raccontano le mamme vere che si firmano e puoi contattarle, non date retta, questa é guerra psicologica, allattate i vostri figli al seno che non c’è latte migliore e più economico…il che di questi rempi non guasta.

    Clelia Chimenti Clelia Chimenti 20 maggio 2016 7:40
  • Non è nient’altro che la visione cinica di un momento speciale tra mamma e figlio, niente di più bello per quanto mi riguarda.

    Chiara Zane Chiara Zane 20 maggio 2016 8:20
  • ?????????

    Stefania Rossero Stefania Rossero 20 maggio 2016 8:40
  • Siamo a 20 mesi ormai è passate ragadi ecc…e tutto così naturale .

    Alberto Peli E Rita Alberto Peli E Rita 20 maggio 2016 9:56
  • Ho allattato tutti e due i miei figli. Con la prima figlia l ‘allattamento è stato meraviglioso : regolare ogni 3 ore e 10 minuti per seno, nn ha mai pianto perché aveva ancora fame o per consolarsi e a 8 mesi si è staccata da sola! Il secondo figlio tutto al contrario : tutt’ ora (ha 9 mesi ) si attacca al seno quando vuole, senza orari, ho i capezzoli spaccati , ho avuto la candida ai capezzoli trasmessa da lui, ecc.. Alla luce di tutto ciò posso affermare che l ‘allattamento è cosa buona e giusta, importantissimo per la crescita dei nostri figli ma per quanto mi riguarda lo definirei allattamento selvaggio altro che allattamento a richiesta!

    Ivana Catalano Ivana Catalano 20 maggio 2016 10:00
  • Non ci credo . Finalmente qualcuno che da ragione a me…..evviva …. mi hanno criticata e criticata che non tappavo la bocca con la tetta a mia figlia ogni qual volta piangesse ….. ma quale allattamento a richiesta? ???ma fatemi il piacere. Fiera e soddisfatta di non aver usato la tetta come rimedio al pianto

    Laura Mattiello Laura Mattiello 20 maggio 2016 10:44
  • BE…ARTICOLETTO CREDIBILE CON GLI SPONSOR APTAMIL E NIDINA DI SOPRA!

    AHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHA…ridiamo per non piangere…

    Chiara.scapin.fdi@gmail.com' Chiara 20 maggio 2016 11:59
  • Forse tu non hai capito che “a richiesta (e offerta) e semplicemente il naturale bisogno di mamma e bimbo. A richiesta del bambino e su offerta della madre… Onestamente non ho neanche capito il senso dell’articolo…

    dianaambra@gmail.com' Diana 20 maggio 2016 12:19
  • Cosa non si fa per far parlare di sé…mi spiace signora..stento a credere lei ne abbia allattati 3…e se lo ha fatto in questo insano modo credo sarebbe stato meglio un bel boccetto di latte artificiale o il ciuccio tanto demonizzato…amore, calore, serenità…non un semplice tappar la bocca al neonato urlante,c apire che è incapace di stare al mondo senZa la sua mamma..ha mai pensato all’uso di una fascia? Sa…io la prima bimba la attaccavo spesso, era molto piccola, cresceva pochissimo e si, forse ero anche un po stanca di ninne in piedi e sveglie la notte…
    Ma capivo perfettamente se il suo lamento era una richiesta di cibo o semplicemente il voler stare cuore a cuore con me…
    Con il secondo ho acuito ancor di più questo “altro senso”…ormai capisco…e allatto A RICHIESTA ESCLUSIVAMENTE il mio bimbo di 9 mesi…per tutto il resto c’è il calore di una madre..
    Nessun abuso di tetta…

    Quindi come al solito sarebbe meglio non generalizzare e non cadere in stupidi stereotipi…
    I bambini sanno…e le madri pure…devono solo imparare a capirsi per evitare di star male entrambi…

    PS. Il fatto che aprendo la pagina vi siano ben 3 pubblicità inerenti del LA la dice lunga sulla bontà dell’articolo…

    Serena_albano@hotmail.it' Serena 20 maggio 2016 13:09
    • Serena, le tue parole interpretano alla perfezione anche il mio pensiero. Articolo senza senso e fuorviante.

      naturalentamente@libero.it' Vale-naturalentamente 20 maggio 2016 22:34
  • Io la prima figlia lo allattata solo xdue mesi…poi nn ha voluto piu’ attaccarsi il secondo fino a un anno e nn ho mai avuto problemi apparte i regadi i primi gg
    ..l’ allattamento e stato meraviglioso nn ha mai avuto la tetta come ciuccio e specifico che ho allattato a rikiesta ….sensa latte artificiale …la terza a oggi e di 8 mesi la allatto a rikiesta solo il mio latte e dire che dorme beatamente ttt la notte ….si sveglia xla poppata alle 7 xqui nn ce cosa migliore xme allattare e’ una mano santa sono fiera di me stessa!

    Jennifer Evola Jennifer Evola 20 maggio 2016 14:07
  • ho letto tante lamentele ma per esperienza fare la mamma non è facile ma neanche essere un neonato l’ ho è ci vuole amore comprensione e tanto impegno e nessuno è pronto al terremoto emotivo e fisico che comporta diventare genitori! il meglio arriva dopo aguri !!

    Susanna Vertemati Susanna Vertemati 20 maggio 2016 14:17
  • Mah. Potessero parlare ….

    Manuela Mucciardi Manuela Mucciardi 20 maggio 2016 14:22
  • come al solito dimostri un grande coraggio…ammiro la tua sincerità…deduco dai velenosi commenti che hai sollevato un polverone…ho pena per quelle donne che insabbiano la realtà sotto una coltre spessa e amara di negazione di tutti quei momenti difficili, di tutti quei compromessi ai quali noi madri ci pieghiamo per quieto vivere e si soprattutto per amore…grazie ancora una volta per la tua onestà che svela la grande donna e madre che sei..

    Biancaterragiovanna@yahoo.it' Giovanna 20 maggio 2016 21:40
  • Sembra proprio una bella pubblicità del latte artificiale…. :-[ ….. ho allattato per 21 mesi, A RICHIESTA, perché l’allattamento È a richiesta, e sono in totale disaccordo con questo spot anti-allattamento

    Sabrina de Santis Sabrina de Santis 20 maggio 2016 23:50

Lascia un Commento