Nasce prematura, ma niente assistenza sanitaria

Scritto da
Neonata prematura senza assistenza Napoli

Silvia, che oggi ha appena 9 mesi, è nata prematura e per ristabilirsi necessita di cure e di terapie ad hoc; tuttavia lo Stato non garantisce ai suoi genitori nessun tipo di sostegno economico. In particolare l’Asl di zona ha dichiarato di non avere fondi a disposizione da destinare alle spese per la riabilitazione dei prematuri.  Eppure è emerso che la medesima azienda sanitaria, malgrado i conti in rosso, abbia aperto i rubinetti per finanziarie cooperative orbitanti nella propria sfera di interessi.

63 bambini prematuri privi di assistenza medica

Alla piccola Silvia, che è nata presso il Santobono di Napoli, non è stata garantita, in altri termini, alcuna assistenza sanitaria e, nella sua stessa situazione, si trovano almeno altri 62 bambini. Possibile che in Italia le strutture sanitarie pubbliche neghino l’erogazione di fondi ai genitori che non possono permettersi di pagare le cure per i loro piccoli? A quanto pare è proprio così: tra le priorità del Belpaese non rientra in alcun modo la tutela della salute dei minori che si trovano in difficoltà economiche.

Categorie dell'articolo:
Prematuri

Commenti

Lascia un Commento