Nasce prematura, ma niente assistenza sanitaria

Scritto da
Neonata prematura senza assistenza Napoli

Silvia, che oggi ha appena 9 mesi, è nata prematura e per ristabilirsi necessita di cure e di terapie ad hoc; tuttavia lo Stato non garantisce ai suoi genitori nessun tipo di sostegno economico. In particolare l’Asl di zona ha dichiarato di non avere fondi a disposizione da destinare alle spese per la riabilitazione dei prematuri.  Eppure è emerso che la medesima azienda sanitaria, malgrado i conti in rosso, abbia aperto i rubinetti per finanziarie cooperative orbitanti nella propria sfera di interessi.

63 bambini prematuri privi di assistenza medica

Alla piccola Silvia, che è nata presso il Santobono di Napoli, non è stata garantita, in altri termini, alcuna assistenza sanitaria e, nella sua stessa situazione, si trovano almeno altri 62 bambini. Possibile che in Italia le strutture sanitarie pubbliche neghino l’erogazione di fondi ai genitori che non possono permettersi di pagare le cure per i loro piccoli? A quanto pare è proprio così: tra le priorità del Belpaese non rientra in alcun modo la tutela della salute dei minori che si trovano in difficoltà economiche.

Categorie dell'articolo:
Prematuri

Commenti

  • Ma non ci vergognate a prendercela con delle creature così stupendamente indifese

    Monica Gradaschi Monica Gradaschi 1 maggio 2016 18:15 Rispondi
  • Non può essere vero…. è vergognoso!!!!!!!!

    Eleonora Braccini Eleonora Braccini 1 maggio 2016 18:24 Rispondi
  • Non ho parole. …

    Natascia Nasci Natascia Nasci 1 maggio 2016 18:27 Rispondi
  • Che schifo..!!!…poi vogliono mettere la tessera sanitaria X gli immigrati….

    Sonia Carnevale Sonia Carnevale 1 maggio 2016 18:46 Rispondi
  • In italiae

    Federica Cinà Federica Cinà 1 maggio 2016 18:47 Rispondi
  • Schifo schifo e schifo

    Marilyn Asturi Marilyn Asturi 1 maggio 2016 18:58 Rispondi
  • non ci credo.

    Vittoria Rivieccio Vittoria Rivieccio 1 maggio 2016 19:21 Rispondi
  • Vergoniatevi, sistema sanitario di m….!

    Luisa Mez Luisa Mez 1 maggio 2016 19:33 Rispondi
  • Basta non se ne può più siamo solo numeri e ticket da pagare è scandaloso quello che si sente abbiate più cuore per quelli che soffrono

    Emma Longo Emma Longo 1 maggio 2016 21:23 Rispondi
  • Vergogna… Addebitateli a Renzi le cure di qsta bambina!!

    Beatrice Manzari Beatrice Manzari 1 maggio 2016 21:25 Rispondi
  • Mia figlia è nata prematura, grazie a Dio, nonostante tagli e tagli alla sanità, siamo stati seguiti e assistenti, non so cosa avrei fatto se mi se mi avessero detto ‘non ci sono i soldi’!

    Michela Maria Bernardini Michela Maria Bernardini 1 maggio 2016 21:26 Rispondi
  • Cooosa!???

    Jen Gabbagabbahey Jen Gabbagabbahey 1 maggio 2016 22:51 Rispondi
  • Che vergogna! !!!

    Donati Elodie Donati Elodie 2 maggio 2016 0:49 Rispondi
  • Monica Mo Monica Mo 2 maggio 2016 7:44 Rispondi
  • e una vergogna, che le famiglie in difficoltà non abbiano di chi fidarsi

    Valeria Antonia Valeria Antonia 2 maggio 2016 8:42 Rispondi
  • È uno schifo

    Linda Mario Linda Mario 2 maggio 2016 9:13 Rispondi
  • Vergogna

    Federica Andrea Carrisi Federica Andrea Carrisi 2 maggio 2016 10:20 Rispondi
  • Non ci sono soldi?allora sono andata più volte ad ASL nel mio paese fuori 27 gradi- un caldo insopportabile.Entro e trovo tutte le finestre aperte,ovviamente fa caldo! e termosifoni bollenti,bollentissimi!!!tutte le luci accese, anche se sole batteva forte e non c’era bisogno di tutte queste illuminazioni.Acqua nel bagno che scorreva,perché water era rotto.Chi paga questi sprechi? Soldi per questo ci sono?Ma in che mondo viviamo?

    Jadwiga Mokwa Jadwiga Mokwa 2 maggio 2016 11:30 Rispondi
  • Ma chi comanda la sanità Non è genitore? Penso proprio di si è se fosse capitato la lui o a lei di avere un figlio prematuro avredde fatto di tutto per avere le cure necessarie adesso fallovper chi a veramente bisogno e ringrazio DIO di avermi dato un figlio sano ma se fosse successo avrei smosso mari e Monti per farlo cresce bene

    Stefania D Stefania D'aliesio 2 maggio 2016 12:32 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *