I momenti di ansia di una neo mamma: la classifica

Scritto da
ansia neo mamma

C’è poco da fare: mamme non si nasce ma si diventa. Con l’esperienza prendersi cura di un bambino diverrà sempre meno complicato. Vediamo assieme le prime piccole difficoltà quotidiane da affrontare quando in casa arriva un bebè.

Le ansie quotidiane delle neo mamme

Vedendo le amiche alle prese con i loro neonati sembra che tutto o quasi vada sempre nel verso giusto e che non abbiano troppi timori nel prendersene cura. Essere mamme non è una dote innata e alcune cose si apprendono con il tempo e l’esperienza. Dopo la nascita di un bambino ci sono momenti da vivere che mettono un po’ di ansia e ci fanno sentire inadatte al ruolo di mamme. Ecco un elenco di tutti quei momenti delicati e particolari che potrebbero mettere in difficoltà le neo mamme. Quali mancano nella nostra lista?

1) Il primo taglio delle unghie

Tagliare le unghie al neonato per la prima volta sembra una cosa facile ma invece non lo è affatto. Il bambino si muove in continuazione e quelle forbicine piccole sulle sue manine così delicate potrebbero fare disastri. Tagliategli le unghie dopo che ha mangiato: si addormenterà con la pancia piena e non si muoverà di un millimetro (circa).

2) Il primo pianto disperato

Il bambino ha mangiato, è pulito ma all’improvviso scoppia a piangere e non c’è modo di consolarlo. Lo prendete in braccio ma niente, continua a gridare divenendo color rosso porpora. Ci farete l’abitudine: ogni tanto piangerà senza che ci sia una valida spiegazione.

3) Il primo bagnetto a casa

Il primo bagnetto è un momento indimenticabile ma anche complicato. Bisogna tenergli la testa tenendolo sollevato con tutto l’avambraccio: una cosa non semplicissima che richiede solo un po’ di pratica. Misurate la temperatura dell’acqua che dovrà essere a 37-38°C e adoperate un detergente specifico per la cura del neonato.

4) Sistemare il bambino nell’ovetto

Le prime volte sarà complicato mettere il bambino nell’ovetto e poi assicurarlo con le apposite cinture. Con il passare del tempo lo farete quasi in maniera automatica senza nemmeno rendervene conto. 

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *