Influenza 2018: come si manifesta e come curarla

Scritto da
influenza 2018 sintomi cura

Le temperature stanno scendendo e l’arrivo dell’influenza 2017-2018 è alle porte. Scopriamo assieme cosa ci aspetterà nei prossimi mesi e quali sintomi dovremo fronteggiare in casa e con i nostri bambini.

Influenza 2017-2018

Secondo le stime fatte da Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, nei prossimi mesi i casi di influenza coinvolgeranno dai 4 ai 5 milioni di persone mentre saranno circa 10 milioni gli individui interessati da sindromi parainfluenza. Il virus colpevole dell’epidemia di media intensità sarà l’H!N! pdm 09, ovvero una variante simile al virus dell’influenza dello scorso anno.

I sintomi dell’influenza 2018

Spesso il termine influenza viene adoperato in maniera impropria, attribuendolo alle prime linee di febbre che segnala il termometro. In realtà si può parlare di influenza quando si hanno questi tre sintomi tutti assieme:

  • febbre oltre i 38°C che arriva all’improvviso
  • dolori articolari o muscolari
  • sintomi respiratori quali naso che cola, mal di gola e tosse.

Negli altri casi non è influenza ma si tratta di infezioni respiratorie acute o sindromi parainfluenzali. La diffusione dell’epidemia dipende molto anche dalle condizioni meteorologiche. Se l’inverno si presenterà molto freddo e lungo, allora i pazienti con influenza saranno molti di più. Se il clima invece sarà più mite ci saranno meno casi di influenza e qualcuno in più di sindrome parainfluenzale.

Il vaccino contro l’influenza 2018

L’influenza non deve destare alcuna preoccupazione nella popolazione sana e che non ha complicazioni di salute. Devono invece correre ai ripari i soggetti a rischio ovvero i bambini molto piccoli, gli anziani e tutte le persone che per ragioni differenti hanno un sistema immunitario indebolito e persone che combattono con malattie croniche di tipo respiratorio o cardiaco. Per le categorie di persone a rischio il vaccino anti influenzale è l’unico strumento efficace per prevenire complicazioni che talvolta possono essere anche molto serie.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Sintomi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *