Cosa fare il primo anno di vita di tuo figlio

Scritto da
primo anno di vita

Dimenticati di te

Credevi di sentirti già mamma con quel pancione? E invece la vera avventura comincia adesso. E meno resistenze offrirai, più sarà facile. Dimentica la vita per come la conoscevi, dimentica il tempo libero, il lavoro, i contatti sociali, il ritmo dei giorni (e delle notti). Dimentica le domeniche mattina a letto con lui, i brunch, le pizzate con gli amici. Dimentica anche i pasti, parti dal presupposto che l’importante è mangiare qualcosa, non importa come e quando. Dimentica le notti, parti dal presupposto che l’importante è dormire, non importa come e quando.

Cerca di tornare in forma

Consiglio evidentemente inconciliabile con quanto sopra esposto. In compenso farai continue camminate su e giù per casa, se hai un contapassi puoi facilmente verificare che tutto sommato non hai mai fatto tanti chilometri in vita tua. Vai a cambiare il piccolo, torna in camera, vai in salotto a cullarlo, torna in cucina, cerca di prepararti un tè, torna di là, torna in cucina, cambia di nuovo il piccolo. A queste puoi sommare le passeggiate volontarie, quelle in esterna. Non sembra molto, eppure non è poco.

Espelli senza remore i visitatori indesiderati

Consiglio validissimo i primi tempi (anzi: legge), puoi sempre seguirlo anche i mesi successivi. Azioni del tipo staccare il citofono o spegnere il telefono sono lecite e buone.

Impara la differenza tra una cacca giusta e una sbagliata

Quella da latte materno è più liquida di quella da latte artificiale, non avere paura del meconio, e non chiamare ogni cosa diarrea: non è diarrea, è cacca da neonato. Non ti impressionare per il numero di scariche che una pallina di essere umano tanto piccolo può produrre. Col tempo ci farai l’abitudine.

Impara i contrattempi

Si sveglierà appena hai deciso di dormire anche tu. Cagherà fuori dal body appena gli hai messo pantaloni, tuta imbottita e sei pronta per uscire. Strillerà appena fai la sola telefonata della giornata. Sboccherà appena ti sei vestita (ammesso che tu ogni tanto riesca a vestirti), snobberà la pappina preparata con amore, rifiuterà categoricamente l’omogeneizzato di cui hai fatto scorta.

Impara ad essere sporca

Capirai l’immenso valore e privilegio di una doccia. Lavare i capelli sta a una neomamma come una giornata alla SPA sta a una donna comune.

Innamorati

Questo è il più grande mistero della vita. Tu fai tutto per il piccolo, ti sfasci, ti sfianchi, ti sfondi. In cambio hai un mammifero che mangia, caga, dorme. Eppure, senza che nemmeno te ne accorgi, nessun amore al mondo ti ha mai travolto così. Lasciati fare. Tanto è squisitamente inevitabile.

Divertiti

Dopo poche settimane lo vedrai già cambiato. Dopo pochi mesi avrà imparato a sorridere, girarsi nel letto, fare versetti. Nel breve spazio di un solo anno da un mollusco raggomitolato in un marsupio ti ritroverai un bimbo che si muove per casa, afferra cose, gioca, guarda e commenta (a modo suo). In ognuna di queste mille novità ti sorprenderai di gioia e spesso riderai fino al singhiozzo. Sarà tutto estremo: sarai felice come mai lo eri stata. Sarai stanca come mai prima d’ora. Nervosa senza precedenti, riderai come non hai fatto mai. Avrai una tenerezza e un senso di intimità che forse non hai nemmeno con te stessa. Goditele tutte. Hai il privilegio di vedere la vita da vicino. Nessuna avventura è più grande.

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo · Mamme Blogger

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *