Bonus bebè 2017, tutti i dettagli

Scritto da
bonus-bebe-2017

Confermato anche per il 2017 il bonus bebè. Vediamo a chi spetta e come è possibile inoltrare la domanda.

La manovra finanziaria, che è stata approvata lo scorso 7 dicembre, ha confermato per il 2017 il bonus bebè, anche noto come assegno di natalità, che consiste nell’erogazione di 80 o di 160 euro mensili in favore dei nuclei familiari con un nuovo nato o con un figlio adottato a partire dal 1° gennaio 2015 e fino al 31 dicembre 2017.

I requisiti necessari per accedere al bonus bebè

Il bonus Bebè ha una durata complessiva pari a 3 anni e possono inoltrare richiesta per ottenerlo tutti i neogenitori con bambini nati tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2017, non esclusi, come già accennato, i figli adottivi e i minori in affidamento preadottivo che faranno (o hanno fatto) il proprio ingresso in casa  nel medesimo arco di tempo.

La vera  novità introdotta dalla Legge di Stabilità riguarda l’estensione dell’assegno di natalità anche ai bebè stranieri, purché in possesso del permesso di soggiorno.

Il raddoppio previsto non è stato approvato

Diversamente da quanto preannunciato l’importo del bonus bebè 2017 non è stato raddoppiato (160 euro mensili per un Isee inferiore ai 25.000 euro e 320 per quelli con Isee inferiore ai 7.000 euro), ma sono state confermate le cifre degli anni precedenti, ovvero 80 o 160 euro, in base alla situazione economica del nucleo familiare.

D’altra parte non sarà neanche effettuata l’estensione dell’assegno di natalità fino ai 5 anni del bambino, ma resta valido fino al compimento del terzo anno di età.

Come presentare la domanda del bonus bebè all’Inps

Se si desidera effettuare la richiesta dell’assegno di natalità in primo luogo bisogna attivare, tramite una apposita procedura telematica, il codice Inps (una parte sarà comunicata tramite sms e l’altra tramite posta). In seguito è necessario collegarsi al seguente sito internet: www.inps.it e selezionare la voce “Servizi Online”.

In alternativa è possibile rivolgersi a un ente di patronato

Categorie dell'articolo:
Mamme e lavoro

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *