Alcuni consigli per velocizzarsi al mattino

Scritto da

Presto che è tardi: alcuni consigli per velocizzarsi al mattino!

Vi ricordate le mattine da single?

Sveglia, caffè, doccia, make-up, borsetta e via, verso una nuova avventura lavorativa.

Guardatevi oggi, con dei bambini da svegliare e preparare…quanto sono cambiate le cose?

Ogni giorno di fretta, spesso in ritardo, sempre una corsa contro il tempo: c’è chi non vuole svegliarsi, chi non vuole vestirsi e chi, proprio quella mattina, ha deciso di fare i capricci a colazione.

Ma una soluzione c’è: ecco qualche piccolo trucchetto per velocizzare i tempi dei bambini al mattino e partire subito con il piede giusto!

1.       Mamme e papà: svegliatevi prima

Se i piccoli si devono alzare, ad esempio, alle 7.30, mamma e papà potrebbero svegliarsi alle 7. In questo modo avranno una mezz’ora di libertà e tranquillità per coccolarsi, lavarsi, vestirsi e preparare la colazione, prima che i dolci terremoti arrivino ad accendere la mattinata con la loro energia e confusione.

2.       La sveglia per tutti

Chi l’ha detto che sia la mamma a dover svegliare i piccoli, insistendo affinché si alzino? Nell’ottica di responsabilizzare i bambini e di aiutarli a crescere e diventare autonomi, la sveglia sul loro comò può essere una buona abitudine per farli sentire subito più consapevoli. Sceglietela insieme a loro, con i colori e personaggi che più amano e puntatela insieme: avrete fatto un primo passo importante verso la crescita!

3.       Ordine, prima di tutto

Un classico della mattina? “Mamma, dove ho messo le scarpe?” oppure “Mamma, non trovo più lo zaino!”. Volete evitarlo? Create un’unica zona di raccolta di tutti gli oggetti che servono per la scuola, in modo da evitare disperate ricerche last minute!

4.       No a tablet, tv o smartphone

Assolutamente vietati la mattina tutti i dispositivi elettronici, che monopolizzano l’attenzione, distraggono dalle attività da svolgere e fanno perdere tempo. L’unica concessione? Un po’ di musica alla radio, per un buongiorno con ritmo.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *