Acqua di mare: cosa fare se il bimbo ha paura

Scritto da
cosa fare se il bambino ha paura dell'acqua di mare

Se il vostro bambino inizia ad essere irrequieto appena lo avvicinate all’acqua e si attacca come un polipo al vostro collo per evitare di farsi bagnare, ha sicuramente paura del mare. È una situazione assai ricorrente e i genitori si devono armare di pazienza per aiutarlo a superare con dolcezza questa fobia solitamente passeggera.

Come affrontare la paura dell’acqua dei bambini

È del tutto normale che i bambini piccoli abbino qualche timore vedendo davanti a sé un’enorme massa di acqua che non sta quieta come quella della sua vasca da bagno. I primi giorni di approccio al mare devono essere effettuati mantenendo il bambino in braccio e tenendolo girato verso di sé. In questo modo il piccolo si sentirà confortato dalla presenza del genitore e avrà meno paura. Iniziate a fargli sfiorare il pelo dell’acqua con le dita dei piedi e se notate che non protesta ma si diverte, potete fare qualche passo in più fino a fargli immergere le gambe fino all’altezza delle ginocchia.

Il giorno seguente potete ripetere la stessa operazione mantenendo però il piccolo girato verso il mare. Rispettate i tempi del bambino e seguite le sue esigenze senza perdervi d’animo o innervosirvi. Ricordatevi che i bambini percepiscono sempre il nervosismo dei genitori e intuiscono anche dalla presa troppo stretta o tremolante le vostre insicurezze. Se date l’impressione di avere paura, di riflesso i bambini capiranno che il mare è una cosa da temere.

Bambini e acqua di mare: questione di confidenza

Quando il bambino avrà preso un più confidenza con l’acqua e non avrà più alcun timore, si potrà procedere a insegnargli a nuotare. Solitamente si insegna a nuotare ai più piccoli sostenendoli sotto la pancia con una mano mantenendoli in orizzontale ma è una posizione faticosa soprattutto per il piccolo. Meglio quindi iniziare a insegnargli a spostarsi in acqua in posizione obliqua in modo tale da far assumere al bambino un equilibrio decisamente più stabile.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Cura del bambino · Viaggi in Famiglia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *