Vernice caseosa: la nuova procedura post parto

Scritto da
vernice caseosa neonato primo bagnetto

Un’infermiera, Courtney Buss, sta promuovendo una nuova pratica che prevede il ritardo del primo bagnetto per lasciare un po’ più di tempo a contatto con la pelle la vernice caseosa.

Cos’è la vernice caseosa

I bambini appena venuti alla luce solitamente vengono subito portati a fare il primo bagnetto per togliere la vernice caseosa che li ricopre e altri residui del parto. La vernice caseosa è una patina biancastra, spessa e impermeabile che si forma all’interno della pancia della mamma attorno al terzo trimestre. Questa sostanza consente al corpo di avere sempre una temperatura ideale, combatte le infezioni e permette alla pelle di continuare a svilupparsi in modo corretto anche dopo la nascita. Ecco perché è importante non toglierla  subito dopo la nascita.

La nuova procedura per preservare la vernice caseosa

L’infermiera Buss ha sviluppato un nuovo protocollo da seguire nei primi momenti di vita del neonato con lo scopo di aumentare gli effetti benefici della vernice caseosa. Con la sua idea ha vinto una borsa di studio di sei mesi per perfezionare i suoi studi in merito. Prima di lavare i neonati sarebbe opportuno attendere un lasso di tempo dalle otto alle ventiquattro ore.

I suoi studi sono iniziati nel 2015 e un anno più tardi, lo Sherman’s Family Birthing Center ha iniziato a far lavare i bambini solo dopo quattordici ore dopo dalla nascita. Analizzando i dati dei bambini a distanza di un mese dalla loro venuta al mondo, è emerso che l’ipoglicemia era scesa dal 21% al 7% mentre la percentuale dei bambini che avevano presentato sintomi di ipotermia era scesa dal 29% al 14%. Anche l’allattamento ha presentato degli evidenti benefici dopo l’applicazione di questo nuovo protocollo: dopo nove mesi dalla nascita la percentuale di allattamento era passata dal 51% al 79%. La vernice caseosa infatti aiuta anche i neonati a riconoscere l’odore della mamma e aumenta la disponibilità al contatto

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino

Commenti

Rispondi a Annalisa Bardi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *