Il software che riconosce la malattia del neonato attraverso il pianto

Scritto da
pianto bambino software

Un gruppo di ricercatori messicani ha messo a punto un innovativo software per riconoscere la malattia del bambino a partire dall’ascolto del suo pianto. Durante i primi mesi di vita del neonato è difficile infatti capire di cosa abbia bisogno ogni volta che piange e se si stia lamentando per un problema più o meno serio. Adoperando questo nuovo dispositivo tecnologico sarà più semplice comprendere se abbia la febbre, se soffra di mal di gola o di altre patologie ben più gravi.

Il pianto del neonato rivela la malattia

I genitori alle prime armi si trovano sempre in difficoltà quando il loro neonato inizia a piangere disperatamente. Avrà solo fame oppure avvertirà un malessere o una sensazione dolorosa più o meno intensa? I neonati non piangono sempre nello stesso modo e con la stessa intensità. Conoscendo i diversi tipi di pianto, è più facile riuscire a identificare il problema che lo ha provocato. Un gruppo di scienziati messicani ha ideato uno speciale software che riesce a comprendere quale malattia o disturbo abbia il neonato ascoltando il suo pianto. Con questo innovativo sistema si riescono a individuare problemi come la perdita dell’udito o la sordità, l’asfissia e l’iperbilirubinemia con una precisione del 95% nel corso dei primi sei mesi di vita del bambino.

Il video della settimana

Gli scienziati che hanno partecipato alla creazione del software lavorano presso l’Istituto Nazionale Messicano di Astrofisica, Elettronica e Ottica e a lungo hanno studiato il pianto dei neonati che soffrono di patologie diverse. Dopo aver classificato i tipi di pianto secondo le loro caratteristiche acustiche, sono riusciti realizzare un programma capace di collegare il pianto a una specifica patologia.

La ricerca ha portato a un software che riconosce il pianto del neonato

Carlos Alberto Reyes Garcia, dottore in scienze informatiche, ha reso noto alla stampa scientifica che, dopo aver elaborato il software, lui e i suoi collaboratori hanno provveduto a testato sul pianto di bambini sconosciuti comprovandone la sua efficacia nel riconoscere le varie patologie. Il pianto dei bambini è suddivisibile in piccoli frammenti e da ciascuno di questi vengono analizzate le sue caratteristiche acustiche. Queste caratteristiche vengono confrontate con tabelle di comparazione compilate dal gruppo di scienziati dal software per identificare la presenza o meno di un eventuale patologia del neonato. In pratica con la misurazione della frequenza, delle vibrazioni, degli intervalli silenziosi e delle varie melodie del pianto, si può risalire alla malattia che interessa il bambino. Questa ricerca è un grande passo avanti soprattutto per le diagnosi precoci di tutte quelle malattie che possono essere curate con successo solo se diagnosticate tempestivamente.

Categorie dell'articolo:
Curiosità

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *