Psicologia: in lato in cui culli il tuo bimbo dice molto di te

Scritto da
psicologia-in-lato-in-cui-culli-il-tuo-bimbo-dice-molto-di-te
info@maternita.it'

Ogni mamma, più volte durante l’arco della giornata si ritrova a cullare il proprio bebè o a farlo calmare, addormentare ed allattare. Il lato in cui si culla il neonato rivela le caratteristiche della mamma e può influenzare lo sviluppo cerebrale e sociale del bimbo.

Il lato preferito? Il sinistro.

Sin dagli anni ’60 le mamme prediligevano cullare i propri bambini e neonati dal lato sinistro, già dai primi giorni di vita. Si credeva venisse fatto per due ragioni in particolare: per poter continuare a svolgere altre faccende con la mano destra mentre si cullava il bambino e per una predilezione a tenerlo vicino al lato del cuore.

La scienza, però, ha smentito entrambe le ipotesi, presentando, invece, una valutazione correlata alla differenza funzionale dei due emisferi del cervello nell’esprimere le emozioni. Difatti, mentre si culla un bambino sul lato sinistro le emozioni prodotte provengono dall’emisfero opposto, il destro, più competente nel rispondere agli stimoli ambientali ed emotivi. Inoltre, i bambini cullati sul lato sinistro, tendono a guardare quel lato del volto della mamma, considerato più espressivo rispetto al sinistro.
Alcuni ricercatori dell’Università G. D’Annunzio di Chieti, prendendo a campione mamme di età diversa, hanno dimostrato che quelle con alti livelli di depressione cullavano i bambini sul lato destro, mentre le mamme con alti livelli di empatia sul sinistro. Quindi, si è dedotto che la preferenza tra il lato sinistro e destro sia un chiaro indicatore clinico della capacità di sintonizzazione emotiva tra mamma e figlio e di un migliore stile di attaccamento della donna con il figlio e con il partner. Tutto ciò influenza la qualità dello sviluppo cerebrale e sociale del bambino.

Non solo umani, ma anche animali.

La preferenza per il lato sinistro, piuttosto che per il destro, è stata accertata da alcuni ricercatori anche tra diverse specie di animali, prendendo come campione mamme delle famiglie di trichechi e volpi volanti con i loro relativi cuccioli. È emerso che, maggiormente mentre si riposano e guardano l’un l’altro, i cuccioli sono posti sul lato sinistro.

Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.