Neonato abbandonato con il cordone ombelicale: gara di solidarietà per il piccolo Germano

Scritto da
neonato-abbandonato-con-il-cordone-ombelicale-gara-di-solidarieta-per-il-piccolo-germano
info@maternita.it'

A Catania i carabinieri hanno trovato un neonato abbandonato ancora con il cordone ombelicale attaccato. Il bimbo fortunatamente è in ottime condizioni di salute.

Una cesta abbandonata

È stata l’attenzione di una passante a salvare la vita a Germano – nome provvisorio assegnato al neonato in Ospedale – trovato in via Rametta a Catania.

La donna ha avvertito dei vagiti provenire da dietro un muretto e quindi ha chiamato il nucleo radiomobile dei carabinieri.

E’ giunta immediatamente sul posto una pattuglia e, con grande sorpresa, i militi hanno rinvenuto un maschietto appena venuto alla luce.

All’interno di una cesta e avvolto in coperte, il bambino presentava ancora il cordone ombelicale attaccato.

Il video della settimana

Corsa immediata al nosocomio Garibaldi Nesima con ovvio ricovero per il piccolo. Comunque positivi i primi controlli medici, per Germano nessun problema di salute e tante coccole da parte dei sanitari.

Il primario di Neonatologia: “Niente giudizi, per favore”

Il primario di Neonatologia dell’ospedale Gabriella Tina ha così commentato il ritrovamento – Gode ottima salute, comunque stiamo facendo verifiche mediche più approfondite. Divieto assoluto di giudizi, forse la madre ha voluto dare a Germano un’opportunità di vita diversa, noi non possiamo saperlo. Credo che aldilà dell’abbandono, possa esserci alla base del gesto anche un atto di amore. Oggi si può partorire nelle strutture sanitarie in completo anonimato, ma non tutte le donne si fidano fino in fondo e allora ecco purtroppo i neonati in strada. Germano lo stiamo curando, ma sono ancora più importanti gli affetti, le coccole hanno la stessa importanza delle cure sanitarie e dell’alimentazione

La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta sull’abbandono del piccolo, mentre le forze dell’ordine sono alla ricerca di indizi per risalire all’identità della mamma.

Leggi anche: ‘Ninna ho’, culle termiche per aiutare i neonati abbandonati

Categorie dell'articolo:
News e Gossip · Notizie dal mondo