Manovra di Kristeller: quando va eseguita?

Scritto da
Manovra di Kristeller

Nei racconti più cruenti del parto delle vostre amiche o colleghe avrete senz’altro sentito parlare di una manovra che le ha scioccate in quanto il medico o l’ostetrica ha premuto con decisione il ventre della donna. Tecnicamente, le vostre amiche hanno subito la manovra di Kristeller, una delle tecniche utilizzate nella fase espulsiva del parto che permette di accelerare la fase finale dello stesso.

Cos’è la manovra di Kristeller

Si tratta di una manovra che, generalmente, impressiona moltissimo la partoriente e che, anche per questo motivo (ma non solo), deve essere utilizzata solo in determinate circostanze; in sostanza, il medico ginecologo con il gomito, ovvero con una mano, spinge sul ventre della donna all’altezza del fondo dell’utero di modo che la testa del bambino riesca più facilmente a uscire dal collo dell’utero, sfruttando la sincronia della manovra con le contrazioni uterine.

Data la sua invasività, la manovra viene eseguita quando c’è un’emergenza, come una sofferenza fetale, quando ci sia un’eccessiva stanchezza della donna o la sua perdita di controllo delle spinte addominali, quando le contrazioni sono troppo deboli e, da sole, non possono permettere al bambino di uscire spontaneamente.

Si tratta, purtroppo, di una manovra molto dolorosa e che può essere combinata con l’utilizzo del forcipe o della ventosa; per questi motivi viene utilizzata quando non ci sono alternative e quando la situazione risulti particolarmente delicata.

Possibili complicanze

Le complicanze legate alla manovra di Kristeller (dal nome del ginecologo tedesco che la mise a punto nel 1867 per agevolare i parti molto difficili) sono diverse: si possono verificare delle lacerazioni alla vagina e al perineo, l’utero può subire contusioni o anche lacerarsi, si potrebbe rompere la placenta.

In alcuni Paesi, come in Gran Bretagna, la manovra è stata vietata; in Italia non ci sono dati certi su quanti parti avvengono ricorrendo a questa metodologia, ma è importante che, nel caso in cui vi abbiano sottoposto alla manovra di Kristeller, ne richiediate la trascrizione sulla cartella clinica, per prova contro eventuali danni subiti.

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *