Imparare a camminare? Meglio a piedi scalzi!

Scritto da
info@maternita.it'

Stare a piedi nudi assicura ai bambini innumerevoli benefici, soprattutto quando stanno imparando a camminare. Il contatto dei piedini direttamente con il terreno, infatti, favorisce nei piccoli un miglioramento delle capacità motorie, dell’equilibrio e della coordinazione visiva, oltre ad aumentare la loro consapevolezza di sé e dello spazio circostante.

Camminare a piedi nudi per un corretto sviluppo del piede

Il momento in cui i bambini iniziano a muovere i primi passi è particolarmente delicato: in questa fase, infatti, è indispensabile fare in modo che i piccoli non prendano abitudini scorrette che comprometterebbero lo sviluppo armonico dei loro piedi. Camminare a piedi nudi, in particolar modo su terreni cedevoli quali sabbia o erba, è estremamente utile in questo senso perché consente di esercitare al meglio il piede e, di conseguenza, assicura un corretto sviluppo delle articolazioni e dei muscoli delle gambe. In aggiunta, camminare a piedi nudi è estremamente benefico anche per la formazione della pianta, e ciò evita l’insorgere del problema dei piedi piatti.
Anche quando sono a casa i bambini dovrebbero poter essere liberi di camminare a piedi nudi, per poter trarre da questo tutti i relativi benefici. Nel momento in cui sperimentano i primi passi, in particolare, i piccoli, sentendo il contatto diretto del loro piedino con il pavimento, hanno la sensazione di una maggiore stabilità e per questo riescono a sentirsi più sicuri e a lasciarsi andare prima.

Scarpe per i primi passi: l’importanza di scegliere quelle giuste

Non sempre, però, è possibile far camminare scalzi i bambini; in questi casi è opportuno scegliere la scarpa giusta per fare in modo che i piccoli possano muoversi con agilità e senza costrizioni. Per questo motivo le calzature per i primi passi devono avere necessariamente una pianta comoda, un peso contenuto ed essere estremamente morbide e deformabili. Le calzature, infine, dovranno avere un’altezza che non superare i malleoli, per consentire il corretto sviluppo dell’articolazione della caviglia.

Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo