Arriva una app per capire il pianto dei neonati

Scritto da
arriva-una-app-per-capire-il-pianto-dei-neonati
staff@maternita.it'

Quante volte vi siete domandate perché il vostro bambino piangesse? Sicuramente molte, questo perché per quanto un genitore sia attento, premuroso e pronto a mettere al primo posto i bisogno del proprio bambino, non è sempre facile capire quali essi siano.

Si leggono libri su libri, si cerca aiuto tramite i consigli di chi ha già avuto quest’esperienza, ma alla fine ogni situazione è diversa e dato che il bambino ancora non sa esprimersi a parole, certe volte bisogna interpretare e saper attribuire con precisione il pianto del piccolo a un problema o un bisogno.

Le mamme e i papà che si trovano in questa situazione non devono però temere: è arrivata un’app che permette di capire meglio la causa del pianto del pianto del bambino!

Infant Cries Translator: lo sviluppo dell’app

Si chiama Infant Cries Translator, nome in italiano si potrebbe tradurre in “Traduttore istantaneo di pianto infantile”, ed è stata creata dal National Taiwan University Hospital Yunlin. La sua genesi è stata molto lunga poiché per realizzarla è stato necessario effettuare parecchi test su un gran numero di campioni.

Il suo sviluppo si è basato sull’analisi di moltissimi tipi di pianto o di lamento infantile, raccolto grazie a studi condotti su piccoli “pazienti”. Dopo aver raccolto questi pianti, gli sviluppatori hanno creato un database informatizzato su cui l’app si appoggia ed è proprio così che questa applicazione funziona. Fino a oggi i test dimostrano che ben il 92% dei pianti sia stato individuato correttamente dal programma.

Infant Cries Translator: come funziona l’applicazione

Il funzionamento dell’Infant Cries Translator è davvero semplicissimo.

È sufficiente registrare tramite l’app il pianto del bambino e il software si occuperà di analizzarlo, vagliando tra tutti i file del database, e comunicare la causa del disagio del piccolo, sia essa il bisogno di essere cambiato, la fame, la sete, la stanchezza e molto altro.

Si tratta sicuramente di un’app molto innovativa, che si basa su un funzionamento poco complesso, ma di incredibile utilità per chi si deve occupare dei bambini.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *