Ultimo trimestre di gravidanza: le posizioni per dormire

Scritto da
posizioni dormire gravidanza

Il rischio di morte fetale nelle gravidanze fisiologiche è molto basso, ma per ridurlo ulteriormente è consigliabile dormire su di un fianco durante l’ultimo trimestre di gestazione.

Le posizioni più sicure per dormire durante la gravidanza

La posizione migliore per dormire negli ultimi tre mesi della gestazione è quella sul fianco. Meglio non dormire distese sulla schiena perché proprio questa posizione è associata a un aumento del rischio di morte in utero. Questo è quanto sostiene un recente studio reso pubblico attraverso le pagine del British Journal of Obstetrics and Gynaecology. Altri studi effettuati in anni precedenti erano arrivati alla medesima conclusione associando il riposo notturno sulla schiena della donna in fase avanzata della gravidanza a un maggiore rischio di morte in utero.

La ricerca è stata condotta presso l’Università di Manchester su un campione di 1000 donne giunte al terzo trimestre di gestazione. Un quarto delle gestanti hanno subito una morte in utero negli ultimi tre mesi mentre le altre hanno potuto dare alla luce un neonato sano. A tutte le donne è stato fato compilare un questionario relativo a diversi aspetti clinici, allo stile di vita e alle abitudini che accompagnavano il loro sonno. Analizzando i dati raccolti è emerso che una non trascurabile percentuale delle donne che non avevano potuto dare alla luce un neonato vivo, si erano addormentate la sera sdraiandosi sulla schiena.

È scientificamente provato che la posizione assunta mentre ci addormentiamo è quella che più a lungo manteniamo nelle ore a seguire. Ecco perché è molto importante addormentarsi su di un fianco e non supine. Ancora non è stato stabilito quale sia il nesso fra la posizione supina e l’aumento del rischio di morte in utero. Tuttavia si suppone che in questo modo si vadano a comprimere eccessivamente i vasi sanguigni della mamma, riducendo significativamente il flusso di sangue ossigenato che arriva alla placenta.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Gravidanza

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *