Poche agevolazioni, neo mamme abbandonano il lavoro

Scritto da
mamme-dimissioni-volontarie-dal-lavoro

Tra le cause principali che costringono un numero sempre più alto di neo mamme ad abbandonare il proprio lavoro ci sono l’assenza di posti negli asili nido, la mancanza di aiuti da parte dei parenti e la scarsa flessibilità dei datori di lavoro, che non concedono il part – time e, quando possono, licenziano.

Dimissioni volontarie: sempre più neo mamme lasciano il lavoro

Secondo i dati raccolti dal Ministero, nel 2015, più di 25.000 madri lavoratrici hanno presentato le dimissioni volontarie dal lavoro. Un dato che potrebbe essere molto più alto, dal momento che vengono presi in considerazione solo i rapporti di lavoro con contratti “fissi”.

In testa alla classifica degli abbandoni ci sono impiegate e operaie, la cui anzianità di servizio non supera i tre anni.

Perché le neo mamme sono costrette a lasciare il lavoro?

Tra i motivi più frequentemente indicati dalla donne che si licenziano c’è la “difficoltà di conciliare il lavoro e le esigenze di cura della prole“. Questa dicitura comprende numerosi problemi, che vanno dalla mancanza di supporto familiare, alla mancata accoglienza al nido, fino all’elevata incidenza dei costi di assistenza del neonato.

Tra quelle segnalate come causa di licenziamento volontario, ci sono anche ragioni strettamente legate al lavoro, come la mancata concessione del part – time o della modifica dei turni.

In molti casi le neo mamme, o le donne in stato di gravidanza, vengono costrette a dimettersi.

Molte vengono convinte a lasciare il lavoro entro il primo anno di vita del bambino, rassicurate dal fatto di poter accedere all’indennità di disoccupazione; se le rassicurazioni non funzionano, scatta il licenziamento.

Jobs Act: le neo mamme non denunciano le ingiustizie subite

Nonostante il Jobs Act preveda il reintegro in caso di licenziamento durante la gravidanza, o comunque entro il primo anno di vita del bambino, sono poche le donne che decidono di denunciare l’ingiustizia subita, anche quando avrebbero ragione di farlo; con le nuove leggi sul lavoro, infatti, è più difficile ottenere reintegri e risarcimenti, anche nei casi in cui essi siano previsti.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Mamme e lavoro

Commenti

  • Esatto anche per me credo sarà così se non mi concedono il trasferimento e il part time…fare la commessa x 1000 euro a 40 km da casa con 12 ore fuori casa di cui pagate 7…credo già sia una follia…poi con un bambino piccolo come si fa? Altro che fertility day…

    Dora Viapiana Dora Viapiana 2 dicembre 2016 11:43 Rispondi
  • Poterlo fare mi licenziarei. Spero in un part time quando sarà

    Federica Da Col Federica Da Col 2 dicembre 2016 12:27 Rispondi
  • Io lavoro part time… ma anche x me è problematica.se devo stare a casa x mio figlio mi fanno mille storie.. cavolo nn è giusto!!!!

    Roberta Fleba Roberta Fleba 2 dicembre 2016 12:38 Rispondi
  • Io sono una commerciante al sesto mese di gravidanza, quando andró in maternità non mi spetterà nulla anzi mi toccherà prendere una sostituta e se una mia dipendente dovesse andare in maternità sono nei guai!
    Per me non esistono giorni di malattia o riposo o gravidanza a rischio, finchè potró staró a lavoro!

    Rossella Russo Rossella Russo 2 dicembre 2016 13:20 Rispondi
    • Idem

      Emirene Faini Emirene Faini 2 dicembre 2016 13:58 Rispondi
    • Anche i datori di lavoro hanno i loro problemi, dobbiamo essere tutti più tutelati ma dallo Stato!!!

      Rossella Russo Rossella Russo 2 dicembre 2016 13:59 Rispondi
    • Rossella Russo non é giusto che questo paese una mamma libera professionista non sia tutelata.. poi al tg si sente dire che gli italiani non fanno più figli…. in bocca al lupo per tutto!

      Fede Rica Olioesaporiditoscana Fede Rica Olioesaporiditoscana 2 dicembre 2016 21:52 Rispondi
    • Condivido!

      Alina Bisoc Alina Bisoc 2 dicembre 2016 22:20 Rispondi
    • Io ho lavorato fino alla fine stando pure male.ora la mia bimba ha un mese e sto gi lavorando.noi autonome si che non abbiamo nulla.ma da dipendente non credo ci si possa lamentare…..anche se concordo che dovrebbero fare di piu per le mamme

      Loredana Malimpensa Loredana Malimpensa 3 dicembre 2016 3:30 Rispondi
  • Io cambierei la domanda: una mamma come può fare in Italia la mamma serenamente???? Non c’è nessuna tutela delle famiglie dallo Stato e finché così- saranno sempre meno le persone a partorire figli.

    Wioletta Pyziolek Wioletta Pyziolek 2 dicembre 2016 14:32 Rispondi
  • Valentina Lavorato Valentina Lavorato 2 dicembre 2016 14:55 Rispondi
  • Sinceramente avere un figlio secondo me non c’entra niente con gli aiuti dallo stato. Se desidero un figlio lo faccio. Punto.
    Cioè ogni svelta che si fa dobbiamo pretendere cose dallo stato? O che ce li mantenga lo stato.?? Bah.
    Non sono d’accordo. Le leggi sulla maternità ci sono e al momento è così.. ma guardate che anche in Svizzera la tanto invidiata svizzera le cose non vanno affatto meglio e lo so perché mio fratello ci vive da 13 anni e mia cognata ha avuto gli stessi trattamenti che noi riceviamo qui..

    Elisa Camplani Elisa Camplani 2 dicembre 2016 18:16 Rispondi
  • Che tristezza!

    Alessia Stuto Alessia Stuto 2 dicembre 2016 22:59 Rispondi
  • Sono libera professionista ho partorito da 4 mesi… ho lavorato fino la settimana prima di partorire e ripreso un mese dopo… vogliamo parlare della maternita’ minima che dovrei prendere ma che mi daranno solo alla fine dei 5 mesi ovviamente i contributi fissi nel frattempo sono da pagare ( se non lavori come li paghi?)

    Barbara Riberto Barbara Riberto 3 dicembre 2016 1:14 Rispondi
  • Io sono cuoca sono incinta , con un contratto indeterminato ,il mio capo vorrebbero ke io lavorassi fino al 7 mese ,una cosa impensabile per questo tipo di lavoro …ke posso fare ??

    Serena Gangheri Serena Gangheri 3 dicembre 2016 6:11 Rispondi
  • Se hai il marito che ti mantiene abbandoni il lavoro

    Giorgia Moli Giorgia Moli 3 dicembre 2016 10:55 Rispondi
  • E Nn è x ntn Giusto questo!! Aiutate le Mamme k devono Assentarsi dal Lavoro x la Gravidanza e x i primi mesi del Nascituro.. Abbiamo Dei Diritti o No?? E voi Datori mettetevj una Mano sul Cuore e date una Mano alle Donne in Gravidanza.. E se fosse Vs Moglie?? K fareste o foreste ai Loro Datori??

    Laura Sisti Laura Sisti 3 dicembre 2016 16:06 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *